A LIVIGNO LO “STORE” CON I PRODOTTI DELL’ECONOMIA CARCERARIA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 3:45

Dall’11 al 16 agosto il paese di Livigno, una frequentatissima località turistica della Valtellina, diventerà la capitale dell’economia carceraria. Questo grazie al “Freedhome Summertime Temporary Jail Store”, che porterà alla bottega Equo di Livigno i prodotti “made in jail”. Freedhome è il brand, presentato per la prima volta a marzo durante la fiera “Fa’ la cosa giusta”, che riunisce una decina di cooperative di detenuti (ed ex detenuti) impegnate a realizzare prodotti di artigianato e leccornie locali, come i torroni di mandorle e i biscotti. Freedhome ha la prospettiva di divenire una catena di negozi di economia carceraria di alta qualità diffusa in tutta Italia.

Per entrare a far parte di Freedhome, le cooperative devono mantenere dei certi standard, garantire un regolare contratto ai detenuti e responsabilizzare questi ultimi per fare del loro diritto al lavoro uno strumento di riscatto sociale. Il temporary store di Livigno rientra nel percorso di maturazione del marchio Freedhome, passato appunto da “Fa’ la cosa giusta” e da un altro negozio temporaneo, a Verbania, per Natale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.