LUNEDÌ 20 APRILE 2015, 17:00, IN TERRIS

A BOLOGNA UNA RETE DI PROGETTI PER EMARGINATI E DISOCCUPATI

“Case Zanardi” ha permesso a diverse persone ritrovare la loro dignità

STEFANO CICCHINI
A BOLOGNA UNA RETE DI PROGETTI PER EMARGINATI E DISOCCUPATI
A BOLOGNA UNA RETE DI PROGETTI PER EMARGINATI E DISOCCUPATI
Oltre 100 realtà del terzo settore di Bologna coinvolte, collaborazioni con enti di formazione e Dipartimenti dell’Università, undici spazi sociali fatti di persone e differenti progettualità. Il tutto per contrastare le nuove forme di povertà ed esclusione sociale che colpiscono sempre più i cittadini. Sono questi i numeri di “Case Zanardi”, una rete di progetti nati a seguito di un bando indetto nel 2013 dal Comune di Bologna e dall’Istituzione per l’Inclusione sociale don Paolo Serra Zanetti. Si tratta di una rete di welfare che fornisce strumenti, saperi e opportunità a chi è in cerca di un lavoro, ai giovani che necessitano di un percorso di formazione professionale, a chi ha bisogno di beni di prima necessità.

Grazie a questa realtà diverse persone sono riuscite a ritrovare la loro dignità dopo esperienze difficili. E’ il caso di Roberto, come riportato da Redattore Sociale. Diploma di perito tecnico e anni di esperienza come commerciale nell’industria meccanico, nel 2010 abbandona il lavoro per stare vicino alla famiglia e apre un’attività nel settore della ristorazione. Tutto bene finché il socio muore in un incidente stradale. Inizia così un periodo di depressione, la perdita di lavoro, risparmi e casa fino a ritrovarsi in un dormitorio pubblico per 4 anni.

“Ci vuole un aiuto – ha dichiarato – qualcuno che ti dica ‘c’è la possibilità di fare questo o quell’altro’ e ti spieghi come fare. Altrimenti, ti atrofizzi”. Ora Roberto abita in una casa che divide con un’altra persona, ha trovato qualche lavoretto e ha raccontato la difficoltà di finire in un percorso di assistenza sociale in un’intervista video compiuta all’interno del Progetto di monitoraggio valutativo del Fondo anti crisi del Comune di Bologna realizzato da Action Aid insieme all’Istituto per la ricerca sociale (Irs) col finanziamento della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e contenuto nel Report “Investire nel cambiamento sociale”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
La chiesa di San Giorgio restaurata
PIANA DI NINIVE

Riconsacrata la chiesa di Tellskuf

Profanata e semidistrutta dall'Isis, è stata restaurata con i soldi raccolti da Acs
New York, il capolinea attaccato
ATTACCO A NEW YORK

Arriva la condanna del Bangladesh

Dacca: "Tolleranza zero con i terroristi". Ullah era giunto negli Usa nel 2011
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android
Piazza Fontana
STRAGE DI PIAZZA FONTANA| ANNIVERSARIO

Mattarella:
"Cercare la verità"

Il capo dello Stato ricorda le vittime dell'attentato che aprì la stagione degli "anni di Piombo"
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani