MARTEDÌ 28 APRILE 2015, 14:30, IN TERRIS

70 ANNI FA BENITO MUSSOLINI VENIVA FUCILATO A GIULINO DI MEZZEGRA

Il 27 aprile venne arrestato e il 28 giustiziato insieme alla sua amante Claretta Petacci

AUTORE OSPITE
70 ANNI FA BENITO MUSSOLINI VENIVA FUCILATO A GIULINO DI MEZZEGRA
70 ANNI FA BENITO MUSSOLINI VENIVA FUCILATO A GIULINO DI MEZZEGRA
"Sull'auto lo feci sedere a destra, la Petacci si mise a sinistra. Io presi posto sul parafango in faccia a lui. Non volevo perderlo di vista un solo istante. La macchina iniziò la discesa lentamente. Io solo conoscevo il luogo prescelto e non appena arrivammo presso il cancello ordinai l'alt". Sono gli ultimi istanti di vita di Mussolini, secondo la testimonianza di Walter Audisio ( conosciuto anche come "colonnello Valerio), il partigiano che giustiziò Benito Mussolini e la sua amante Claretta Petacci. Il racconto di Audisio venne pubblicato il 28 marzo 1947 su "l'Unità", l'organo del partito comunista. Esattamente settant'anni fa, il 28 aprile 1945, Benito Mussolini fu giustiziato insieme alla sua amante a Giulino di Mezzegra, in provincia di Como. Era stato arrestato il giorno prima a Dongo.

In realtà in questi anni sono molte le versioni che sono via via apparse sulla cattura e morte di Mussolini, infatti sono decine, e a volte contrastanti, le ricostruzioni che parlano delle ultime ore del Duce. IL 17 aprile 1945 Mussolini si trasferì a Milano e tentò di contrattare la propria salvezza con il Comitato di Liberazione Nazionale. Il 27 aprile iniziò la sua fuga verso Como, vestito da soldato tedesco, ma fu arrestato dai partigiani e fucilato il giorno seguente insieme alla sua amante.

Nello stesso giorno, a Dongo, un altro gruppo di partigiani stava fucilando alcuni seguaci di Mussolini, tra i quali Goffrredo Coppola, allora rettore dell'università di Bologna, Alessandro Pavolini, segretario del Pfr, Nicola Bombacci, uno dei fondatori del partito Comunista d'Italia, il ministro dell'Economia Paolo Zerbino, il ministro della cultura popolare Ferdinando Mezzasomma e MArcello Petacci, fratello di Claretta.

I corpi di Mussolini e degli altri giustiziati furono portati a Milano, dove arrivarono in serata. Intorno alle tre di notte vennero scaricati in piazzale Loreto, esattamente nello stesso luogo dove il 10 agosto 1944 erano stati fucilati e lasciati in balia della folla quindici partigiani.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato