34 ANNI FA USCIVA IL PRIMO COMPACT DISC AD USO COMMERCIALE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

Il 17 agosto 1982 venne prodotto il primo CD per utilizzo commerciale. A dare il “LA” alla conquista digitale della musica fu l’azienda olandese Philips che, nella fabbrica di Hannover – in Germania – fece incidere “La Sinfonia delle Alpi” del compositore tedesco Richard Strauss dalla Berliner Philharmoniker sotto la direzione di Herbert Von Karajan. Il primo album musicale pop a essere stampato sul nuovo supporto fu, invece, “The Visitors” del gruppo svedese degli ABBA, e il primo a essere immesso sul mercato fu “52nd Street” di Billy Joel, commercializzato dal primo ottobre 1982 in Giappone insieme al lettore.

Il compact disc è un disco di policarbonato trasparente accoppiato ad un sottile foglio di materiale metallico sul quale vengono memorizzate le informazioni come successioni di “buchi” e “terre”, lette poi per mezzo di un laser. Per tale motivo sono detti anche dischi “ottici.” I primi studi che ne portarono alla produzione vennero intrapresi già a partire dalla metà degli anni ‘50 sotto la spinta del mondo della telefonia che necessitava di un sistema di memorizzazione in grado di moltiplicare le informazioni semplificando i segnali. La svolta arrivò solo nel 1979 quando la Philips strinse una collaborazione con la Sony che già dal 1975 aveva cominciato a lavorare sullo sviluppo della tecnologia per un disco ottico digitale. Di lì a tre anni, il 17 agosto 1982 appunto, venne prodotto il primo CD ad uso commerciale tuttora, dopo oltre trent’anni, il supporto fisico per dati audio più utilizzato al mondo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.