VENERDÌ 02 SETTEMBRE 2016, 000:05, IN TERRIS

18 ANNI FA, LA PRIMA CONDANNA PER GENOCIDIO IN RUANDA

Jean-Paul Akayesu, sindaco di Taba, aveva ordinato le violenze e l’eliminazione totale della popolazione dei Tutsi

EMANUELA BAMBARA
18 ANNI FA, LA PRIMA CONDANNA PER GENOCIDIO IN RUANDA
18 ANNI FA, LA PRIMA CONDANNA PER GENOCIDIO IN RUANDA
Per la prima volta da quando fu adottata la Convenzione per la prevenzione e la repressione del delitto di genocidio nel 1948 (entrata in vigore il 12 gennaio 1951), 50 anni dopo, il 2 settembre 1998, il Tribunale penale internazionale per il Ruanda delle Nazioni Unite decise di applicarla nella sentenza di condanna di Jean-Paul Akayesu, sindaco di Taba, un paesino dello Stato africano in cui si è consumata una delle più terribili tragedie umanitarie della storia.

In 100 giorni, tra aprile e luglio 1994, la popolazione fu massacrata, con machete panchas e bastoni chiodati, senza pietà neppure per i neonati, perfino cucinati sotto gli occhi delle madri e dati in pasto alle genitrici. Un orrore, perpetrato in particolare per lo sterminio della comunità dei Tutsi, purtroppo, non inferiore all’Olocausto degli ebrei durante la Seconda Guerra mondiale, eppure accaduto soltanto poco più di venti anni fa, allora nel silenzio quasi assoluto e colpevole dei media.

Quasi un milione di persone furono sterminate, oltre un terzo della popolazione, in quello che fu appunto un genocidio, cioè, la “commissione di atti con l'intenzione di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso, come tale”.

Appartenente alla maggioranza Hutu, Akayesu, allora a capo delle forze dell’ordine e di sicurezza in quanto sindaco, diede l’ordine di “stanare” casa per casa i Tutsi per torturarli e ucciderli.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Papa Francesco saluta i fedeli in Cile
PAPA IN CILE

"Siete privi di libertà non della dignità"

Testo integrale del saluto del Pontefice alle detenute del Carcere Femminile di Santiago del Cile
Milano, i Vigili del fuoco sul luogo della tragedia
TRAGEDIA SUL LAVORO

Milano, tre operai morti intossicati in fabbrica

Si aggrava il bilancio dell'intossicazione nello stabilimento metalmeccanico: gravissimo il quarto lavoratore
Una delle chiese assaltate in Cile
CILE

Scontri e chiese assaltate: proteste per la visita del Papa

Carabinieri aprono gli idranti contro la "Marcia dei poveri", date alle fiamme altre tre parrocchie
Murdoch con l'ex moglie
USA

Il Wsj: l'ex lady Murdoch era una spia cinese

Gli 007 americani avrebbero messo in guardia Jared Kushner su Wendi Deng
SANITÀ

Allarme vaccini: i centri sono in tilt

Crisi dovuta alla legge sull'obbligo e all'assenza di personale. E prosegue la polemica politica
Il presidente Erdogan
VATICANO

Erdogan in udienza dal Papa

Confermata la visita del presidente turco il 5 febbraio
Papa Francesco celebra la Santa Messa al Parco O'Higgins di Santiago del Cile Photo © Vatican Media
PAPA IN CILE

"Lavorare per la pace e la riconciliazione"

Il Pontefice al Parco O'Higgins di Santiago cita Neruda: "La speranza è sradicamento...
Papa Francesco celebra la Santa Messa al Parco O'Higgins di Santiago del Cile Photo © Vatican Media
PAPA IN CILE

"No al consumismo tranquillizzante"

Il testo integrale dell'omelia del Pontefice durante la Messa al Parque O'Higgins