Sii sempre umile e ricorda che nulla ti è dovuto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:15

Signore, che cosa è l’uomo che tu abbia a ricordarti di lui, o il figlio dell’uomo perché tu lo debba visitare? Che cosa meritò l’uomo perché tu gli dessi la tua grazia? Signore, come posso io lagnarmi, se tu mi abbandoni, o come posso fare giuste osservazioni se non mi concedi quel che domando?

Certo, io posso con tutta verità pensare e dire: Signore, io sono un niente, niente posso e da me non ho niente di bene; ma sono mancante di tutto e tendo sempre al niente. E se non sono aiutato e interiormente da te ammaestrato, divengo tiepido e dissipato.

RISOLUZIONI: Risolvi di tenerti sempre umile, persuaso del proprio nulla, pensando che perciò nulla ti è dovuto. 

Tratto da un’antica edizione del 1800 dell’Imitazione di Cristo

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.