Scopri i movimenti della natura e della grazia e segui quest’ultima fedelmente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

La natura mira alle cose temporali, gode dei guadagni terreni, s’attrista delle perdite, s’impermalisce per una parolina offensiva; ma la grazia mira alle cose eterne, non s’attacca alle temporali, né si turba per la perdita di esse, né s’inasprisce per dure parole perché ha riposto il suo tesoro e il suo gaudio in cielo ove nulla perisce.

La natura è cupida, e volentieri riceve piuttosto che dare, ed ama i suoi propri e particolari beni. La grazia invece è benigna e cortese con tutti; evita le cose particolari, si contenta di poco, trova maggior soddisfazione nel dare che nel ricevere.

La natura è propensa alle creature, alla propria carne, alle vanità e agli svaghi. Ma la grazia porta a Dio e alle virtù, rinuncia alle creature, fugge il mondo, odia i desideri della carne, raffrena i divagamenti, arrossisce di apparire in pubblico.

RISOLUZIONI: Risolvi di scoprir bene i movimenti della natura e della grazia, e di seguire questa fedelmente. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.