Loda e ringrazia Dio, sempre con molta umiltà

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:08

O Gesù dolcissimo e benignissimo, quanta riverenza e rendimento di grazie con la lode perpetua ti è dovuta per la Comunione del sacro tuo Corpo, la cui dignità nessun uomo è capace di spiegare! Ma che cosa penserò io in questa Comunione nell’accostarmi al mio Signore, che non so venerare debitamente, e tuttavia desidero devotamente ricevere?

Che penserò io di meglio e di più salutare se non di umiliarmi totalmente dinanzi a te, ed esaltare sopra di me la tua bontà infinita? Lodo te, Dio mio, ed esalto te in eterno. Disprezzo me e mi sottometto a te sino al profondo della mia viltà.

Ecco, tu sei il Santo dei santi e io la lordura dei peccati. Ecco, tu ti abbassi a me che non son degno di alzare a te lo sguardo. Ecco tu vieni a me; tu desideri di essere meco, tu mi vuoi al tuo convito. Tu vuoi darmi a mangiare il celeste cibo e il pane degli angeli; non altro certamente che te medesimo, pane vivo che sei disceso dal cielo e dai la vita al mondo.

RISOLUZIONI: Risolvi di lodare e ringraziare Iddio frequentemente con profondissima umiltà e venerazione per il gran dono della SS.ma Eucarestia in cui ti dà da mangiare se stesso. 

Tratto da un’antica edizione del 1800 dell’Imitazione di Cristo

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.