La libertà di dichiarare la propria debolezza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:12

Confesserò contro di me la mia ingiustizia: confesserò a te, o Signore, la mia infermità. Spesso mi contristo e mi abbatto per una piccolezza. Faccio il proposito di esser forte, ma al sopraggiungere di una leggera tentazione divengo grandemente angustiato. Talora grave tentazione mi deriva mi deriva da una cosa da nulla, e quando mi credo alquanto sicuro, senz’accorgermene, mi trovo quasi buttato giù in terra da un leggero soffio. Vedi dunque, o Signore, la mia debolezza o fragilità a te nota per ogni verso. Abbi pietà di me, e traimi dal fango affinché non vi resti sommerso, e non rimanga del tutto avvilito. Questo è ciò che mi agita frequentemente e mi confonde dinanzi a te, che io sono tanto facile a cadere e debole a resistere alle passioni. E sebbene non vi acconsenta affatto, pure mi è molesto e grave il combatterle, e mi rincresce assai vivere così continuamente in lotta. Di qui conosco la mia debolezza; che le abominevoli immaginazioni fanno molto più presto ad assalirmi che a lasciarmi.

RISOLUZIONI:  Risolvi di riconoscere e meditare spesso la propria miseria e debolezza.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.