Diffida delle tue forze e implora la grazia di Dio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:11

Ci vuole la tua grazia, e grazia grande, [o Signore] per vincere la natura sempre proclive al male sino dalla adolescenza. Poiché, decaduta per il primo uomo Adamo, e viziata per il peccato, la pena di questa macchia discese in tutti gli uomini, dimodoché quella stessa natura che da te fu creata buona e retta, vien presa ora per il vizio stesso e l’infermità della natura corrotta, perché nel suo muoversi, lasciata a se stessa ci trascina al male e a cose basse.

E la poca forza che è rimasta è come una scintilla nascosta nella cenere. Questa, circondata da una caligine, è la ragione naturale cui è ancora rimasto di poter discernere il bene dal male e il vero dal falso; sebbene sia impotente ad adempiere tutto ciò che approva, né più possegga appieno il lume della verità né la dovuta purità nei suoi affetti.

RISOLUZIONI: Risolvi di diffidare delle proprie forze, considerata specialmente la corruzione della natura, e di ricorrere sovente a Dio per implorare la sua grazia. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.