Sentinel 5p è in orbita: controllerà i livelli e l’origine degli inquinanti E' la sesta "sentinella" del programma Copernicus, nato dalla collaborazione fra la Commissione Europea e Agenzia Spaziale Europea (Esa)

122
sentinel 5p

Dopo poco più di un’ora dal lancio è arrivata la conferma che tutto era andato per il verso giusto. Sentinel 5P è pronto quindi a iniziare la sua missione. La conferma che tutto a bordo sta funzionando come programmato è testimoniato da due eventi fondamentali: la ricezione del primo segnale e il dispiegamento dei pannelli solari. Il segnale del satellite è stato ricevuto a Kiruna, in Svezia, una delle basi in ascolto. Insieme alla base svedese, dopo il dispiegamento dei pannelli solari, si sono attivate anche la base norvegese di Svalbard e quella canadese di Inuvik.

La lotta agli inquinanti

Sentinel 5P, la sesta “sentinella” del programma Copernicus, nato dalla collaborazione fra la Commissione Europea e Agenzia Spaziale Europea (Esa), è il primo satellite al mondo in grado di fornire una mappa completa degli inquinanti presenti nell’atmosfera e di individuarne l’origine. “E’ diverso dagli altri satelliti Sentinel perché rileva i dati relativi alla qualità dell’aria, misurando la presenza di gas come biossido di azoto, ozono, monossido di carbonio, metano”, ha spiegato Simonetta Cheli, capo dell’Ufficio di coordinamento del direttorato dell’Esa per l’Osservazione della Terra. Il risultato di queste misurazioni potrebbe essere una “mappa” utile ai ricercatori e ai governi: in questo modo si avrà a disposizione un maggior numero di dati, potenzialmente utili per capire i cambiamenti climatici e avere un quadro della situazione più chiara.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS