L’arcivescovo di Abuja: “Nessuna notizia ma fiduciosi su don Pallù” Appartiene alla diocesi di Roma. La Procura apre un'indagine per terrorismo

463
Don Pallù

“Per ora non abbiamo buone notizie ma abbiamo fiducia e continuiamo a sperare che a breve don Maurizio venga liberato”. Queste le parole di John Olorunfemi Onaiyekan, arcivescovo di Abuja, pronunciate in un’intervista a Tg2000, in riferimento al rapimento di padre Maurizio Pallù, il sacerdote italiano rapito nella giornata di ieri in Nigeria. Il cardinale ha spiegato che “le forze dell’ordine stanno facendo del tutto per rintracciarlo. Tra poco i rapitori dovranno rilasciarlo perché non è facile portare in giro un italiano nel bosco senza essere visti. Anche noi abbiamo mobilitato e impiegato tutte le forze possibili. Dobbiamo continuare a pregare perché prima o poi verrà rilasciato”.

Il sacerdote, appartenente alla diocesi di Roma, è stato sequestrato ieri in Nigeria. Sulla vicenda è già stata allertata l’unità di crisi della Farnesina e la Procura di Roma, gruppo Antiterrorismo, ha aperto un fascicolo di indagine per sequestro con finalità di terrorismo. Nel Paese africano è, infatti, attivo il gruppo jihadista di Boko Haram.

Dinamica

In base a quanto si apprende, il sacerdote è stato bloccato ieri, insieme ad altre 4 persone, mentre si stava recando a Benin city, nel sud della Nigeria. I quattro sono stati fermati da un gruppo armato che li ha rapinati di tutti i loro averi e ha rapito il sacerdote che si trova in missione in Nigeria da tre anni. L’indagine della Procura di Roma è affidata al pm Sergio Colaiocco.

Il sacerdote rapito

Sessantré anni, don Pallù è originario di Firenze dove è entrato nel Cammino neocatecumenale. Per 11 anni è stato missionario in diversi Paesi della Terra. Nel 1988 l’ingresso in seminario, il Redemptoris Mater di Roma. Dopo l’ordinazione ha operato in due parrocchie romane, poi l’esperienza in Olanda, dove è diventato parroco nella diocesi di Haarlem. In Nigeria lavorava nell’arcidiocesi di Abujia. Don Maurizio è oggi un presibitero della Fondazione Famiglia di Nazareth per l’evangelizzazione itinerante.

La preghiera del Papa

Greg Burke, direttore della Sala Stampa della Santa Sede, ha pubblicato un tweet con il quale annuncia che “Papa Francesco è stato informato del sacerdote italiano rapito in Nigeria, don Maurizio Pallù, e sta pregando per lui“.

in aggiornamento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY