Temer valuta la revoca dell’asilo a Battisti, estradizione più vicina Se il presidente brasiliano confermasse la sua decisione l'ultima parola spetterebbe al Supremo tribunale federale

523
battisti

Una mossa a sorpresa di Michel Temer potrebbe avvicinare l’estrazione in Italia di Cesare Battisti. Stando a quanto riportato dai media locali, il presidente brasiliano avrebbe deciso di revocare l’asilo politico all’ex terrorista dei Pac (Proletari armati comunisti) condannato, in Italia, all’ergastolo per quattro omicidi.

Il quadro

Ora l’ultima parola spetta però al Supremo tribunale federale (Stf), chiamato a decidere se accettare o meno il riconoscimento dell’habeas corpus (l’istituto giuridico a tutela delle libertà individuali) invocato dai legali di Battisti nel settembre scorso, quando l’Italia era tornata a sollecitare l’estradizione. E reiterato solo pochi giorni fa, quando l’ex Pac era stato arrestato a Corumba, nel nord della Bolivia, in quello che molti hanno letto come un tentativo di fuga dal Brasile per sfuggire alla possibile procedura di rientro in Italia. Che lo stesso ex terrorista ha tentato però di smentire: “Non stavo fuggendo, in Brasile sono protetto”, aveva detto in un’intervista ad una tv brasiliana, ribadendo che “sarebbe illegale rimandarmi in Italia“.

Verso l’estradizione

Secondo fonti vicine a Temer citate dai media brasiliani, se Luis Fux, il magistrato dell’alta corte che deve esaminare il caso, tardasse troppo nel prendere una decisione, l’ufficio legale della presidenza potrebbe emettere un parere ufficiale che renderebbe inevitabile l’estradizione di Battisti verso l’Italia. Le stesse fonti hanno spiegato che comunque “l’opzione meno probabile” è che il Stf conceda all’ex terrorista l’habeas corpus.

Sviluppi

La vicenda ha avuto degli sviluppi inattesi mercoledì della scorsa settimana in seguito all’arresto di Battisti al confine boliviano per sospetto traffico di valuta e riciclaggio. Anche se un giudice d’appello gli ha concesso la libertà provvisoria, per mancanza di prove, nel governo brasiliano si è fatta strada l’idea che un crimine di natura fiscale potesse rafforzare le motivazioni giuridiche per la sua estradizione in Italia. E molti avevano scommesso sulla decisione di Temer di annullare l’asilo politico concesso all’ex membro dei Proletari armati per il comunismo nel 2010 dall’ex presidente Lula.

In attesa

Battisti, intanto, è tornato nella sua casa sul lungomare di San Paolo dopo tre giorni di carcere nel Mato Grosso. Visibilmente soddisfatto, con tanto di birra in mano immortalata dai fotografi, anche se con l’obbligo di non lasciare la zona senza autorizzazione della giustizia e di presentarsi ogni mese in tribunale. Fonti diplomatiche italiane pur ricordando che l’esito della vicenda al momento non è ancora scontato, alla luce del pendente ricorso giurisdizionale al Stf, ricordano che c’è piena fiducia nel governo brasiliano con il quale si intende rilanciale le già ottime relazioni. Il governo italiano nei mesi scorsi è tornato alla carica con la richiesta formale alle autorità brasiliane, affidata dal ministro degli Esteri Angelino Alfano all’ambasciatore a Brasilia, di riavviare le procedure per l’estradizione di Battisti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY