Inchiesta Consip, Gentiloni: “Gravissimo screditare le istituzioni” Il premier: "La credibilità e l'autorevolezza di chi amministra la giustizia è un bene da tutelare"

165
gentiloni

“Per un Paese come il nostro la credibilità e l’autorevolezza di istituzioni che amministrano la giustizia e la sicurezza è un bene prezioso da tutelare e che se ci sono dei comportamenti che screditano questa autorità penso che siano gravissimi“. Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni a proposito di quanto sta emergendo sulla gestione del caso Consip. Il Capo del Governo, ha fatto appello agli “anticorpi” presenti nelle istituzioni per eliminare questi comportamenti, e si è detto comunque certo che quanto accaduto “non riuscirà ad incriminare la forza delle istituzioni“.

Una sicurezza che durante la giornata non sembrava albergare nel ministro degli Esteri e leader di Ap, Angelino Alfano che, senza mezzi termini ha chiesto “chiarezza” in quanto “è in gioco la tenuta democratica del Paese”. Secondo il leader centrista, infatti, le notizie emerse dalla deposizione al Csm sui metodi di indagine di Woodcock sono “scandalose e inquietanti” e devono essere approfondite “perché in ballo non c’è il destino di un persona o di una famiglia ma la tenuta delle istituzioni democratiche”. E se l’ex magistrato e presidente della Camera, Luciano Violante vede – in un’intervista a Il Mattino – una “strategia contro la politica“, il ministro Delrio parla di “notizie davvero inquietanti e preoccupanti per la nostra democrazia” chiedendo “di stabilire la verità perché la democrazia vive solo se si stabilisce la verità dei fatti”.

Dopo gli affondi di venerdì scorso, Matteo Renzi preferisce affrontare il tema non di petto. Ma afferma comunque che “noi siamo quelli che di fronte a una falsità costruita ad arte per mistificare le cose non reagiamo arrabbiati, ma con il sorriso zen di chi sa che la verità prima o poi arriva. E lo stiamo vedendo, perché il tempo è galantuomo e gioca con la nostra maglia” dice parlando a Milano alla scuola politica “Pier Paolo Pasolini“, senza fare riferimento specifico all’affaire Consip. Il suggerimento è però ben chiaro: “Non lasciatevi fregare dalle fake news e ce ne sono tante, di falsità, costruite ad hoc”. Per il leader dem è dunque tempo di raccolta e la solidarietà gli giunge da praticamente tutto l’arco istituzionale.

Con la sola eccezione di Forza Italia che non manca di rimarcare il “doppiopesismo della sinistra e di Renzi” che “puzza, è schifoso“, per dirlo con le parole di Renato Brunetta. “Non è possibile – spiega il capogruppo dei deputati azzurri – che quando viene colpita la sinistra siamo al golpe e quando tocca a Berlusconi è la democrazia”. E “se la sinistra vuole essere credibile – è l’invito di Brunetta – deve fare mea culpa sulla sua storia, su cosa disse quando un vero golpe colpì Berlusconi e il suo governo democraticamente eletto”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS