Primo caso di Chikungunya nelle Marche Si tratta di un 65enne di Castelplanio di rientro dal Lazio

169

Primo caso di Chikungunya nelle Marche. Il paziente è un uomo di 65 anni che aveva soggiornato per tre settimane in una città del Lazio dove si sono registrati altri casi ed era poi tornato nelle Marche i primi giorni di settembre.

Malattia contratta nel Lazio

Poco dopo il rientro nella sua abitazione a Castelplanio (in provincia di Ancona), ha iniziato ad accusare i sintomi della malattia: febbre molto alta e forti dolori muscolari ed articolari. Viste le condizioni, l’uomo è stato ricoverato presso l’Ospedale “Profili” di Fabriano. Una volta guarito, è stato dimesso.

Al via il piano di disinfestazione

Come riporta Ansa, la notifica dell’accertamento del caso è giunta al Servizio Igiene e Sanità Pubblica dell’Asur 2. Accertato si trattasse di Chikungunya a seguito dell’esito positivo degli esami effettuati presso il centro di riferimento regionale di Virologia dell’Azienda Ospedali Riuniti di Ancona, sono state immediatamente attivate le procedure dal Dipartimento di Prevenzione dell’Av 2 Asur che ha allertato i Comuni di Castelplanio e Fabriano, i quali provvederanno ad effettuare la disinfestazione.

La Regione Marche ricorda che la malattia, benigna nella prognosi, si trasmette tramite la puntura di zanzara tigre che si è precedentemente infettata pungendo un uomo malato, ma non si trasmette direttamente da uomo a uomo. Per questo motivo le circolari del Ministero della Salute prevedono, in via cautelativa, di sottoporre a disinfestazione le zone circostanti il luogo abituale di soggiorno della persona malata. La popolazione, che non corre rischi particolari, verrà avvertita dai sindaci delle procedure di disinfestazione messe in atto.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS