Ha il documento scaduto, papà abbandona il figlio in aeroporto e parte da solo

1157
papà

La carta d’identità del figlio è scaduta e i rigidi controlli del personale di servizio non hanno permesso ad un quattordicenne di salire a bordo del volo che avrebbe condotto lui e il papà da Catania in Grecia. Una fiscalità giudicata dai presenti eccessiva, che sono rimasti poi di stucco davanti alla reazione del padre dell’adolescente. L’uomo, dopo aver insultato pesantemente le hostess ha preso le sue cose e si è imbarcato sull’aereo, lasciando il figlio a terra, da solo.

 

Da solo in aeroporto

Potrebbe sembrare la scena di un film comico, ma è quanto accaduto alcuni giorni fa all’aeroporto Fontanarossa di Catania, in Sicilia. Il papà furibondo è un noto professionista della città sicula, divorziato. Aveva in affidamento il figlio, era il suo “turno” stabilito dal tribunale. I due erano in procinto di iniziare una vacanza in Grecia. Passati i controlli di sicurezza senza problemi, dove oramai i documenti non vengono più visionati, i guai iniziano al gate d’imbarco quando venne annunciato il volo. Le hostess visionano il documento scaduto e la loro decisione è inflessibile. Il figlio non può salire a bordo. Ed ecco che il papà perde le staffe: urla e insulti contro le signorine, poi l’incredibile decisione: partire senza il figlio adolescente. L’aereo decolla. Il papà è sul volo, il figlio solo nel gate.

 

Denuncia per abbandono di minore

Il quattordicenne è rimasto nel gate, con il suo trolley, e con le hostess che hanno prontamente chiamato la polizia ferroviaria. Gli agenti lo hanno portato al bar, mentre i funzionario si metteva in contatto con la madre, ex moglie del “papà arrabbiato”. La mamma è corsa in aeroporto a riprende il figlio. Il suo ex compagno, al ritorno da viaggio in Grecia, troverà ad attenderlo una denuncia per abbandono di minore.

 

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS