Il “Pistacchio” di Spoleto incoronato miglior gusto di gelato al mondo L'evento più famoso al mondo dedicato al gelato si è svolto a Rimini. Nei suoi laboratori a vista sono stati prodotti 2.500 chilogrammi di gelato in tre giorni e sono stati registrati 50 mila visitatori

178
pistacchio

E’ umbro il miglior gusto di gelato al mondo. L’incoronazione è avvenuta ieri sera a Rimini, durante la finale mondiale di Gelato world Tour, organizzata da Carpignani Gelato University e Sigep – Italian Exhibition Group.

Il “Pistacchio” di Spoleto al primo posto

Il vincitore del premio è il “Pistacchio” creato da Alessandro Crispini della Gelateria Crispini di Spoleto. E’ stato realizzato dall’unione di tre varietà di pistacchi tutti siciliani: due di Bronte e uno dell’agrigentino. Per esaltarne al massimo il gusto, l’artigiano ha aggiunto il fior di sale di Cervia che ha conferito una particolare sapidità al gelato. “Il pistacchio può essere ritenuto da molti un gusto banale – ha detto il vincitore all’Ansa – ma attraverso lo studio approfondito delle materie prime ho creato qualcosa di solo apparentemente semplice ma in realtà molto complesso. Le tre varietà di pistacchio sono tostate per 24 ore, poi scottate con zucchero e bacche di vaniglia del Madagascar. Sono onorato che sia stato apprezzato”.

Il secondo e il terzo classificato

Al secondo posto si sono classificati Guido e Luca De Rocco con il “Tributo alla Serenissima”, ossia un sorbetto di uva fragola con noci caramellate. Terzo posto per “Amor-Acuya” della gelatiera colombiana Daniela Lince Ledesma di Medellin. Il suo gelato vede combinato il frutto della passione, la panna e cioccolato colombiano al 65 per cento.

Il gelato world Tour

L’evento più famoso al mondo dedicato al gelato si è svolto a Rimini. Nei suoi laboratori a vista sono stati prodotti 2.500 chilogrammi di gelato in tre giorni e sono stati registrati 50 mila visitatori. La giuria era composta da 47 membri tra esperti di gelato, chef e giornalisti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS