World Beer Awards 2017: è lucana la miglior birra “Sweet Stout” al mondo

820

E’ italiana la migliore birra al mondo per lo stile Sweet Stout: ai World Beer Awards 2017 di Londra è stata infatti premiata la Birra Morena Celtica Stout, prodotta nello stabilimento di Balvano (Potenza) dei fratelli Tarricone. Le stout sono birre scure ad alta fermentazione prodotte da malto d’orzo tostato.

Orgoglio italiano

In una nota è sottolineato che “l’ambito riconoscimento (in gara vi erano 1.900 birre provenienti da circa 40 nazioni) mai era stato assegnato ad un’azienda italiana per una birra scura, che da sempre, per cultura ed esperienza, era ad appannaggio di produttori inglesi, irlandesi o americani”. Il made in Italy ha quindi trionfato a Londra, proprio quando “non si è ancora sopita l’eco di una campagna stampa contro il prosecco italiano reo di guastare denti e sorriso agli inglesi. E, nella guerra delle bollicine, dai World Beer Awards (Bwa) è arrivata la rivincita inattesa di una azienda italiana, la Birra Morena”.

Dopo aver ritirato il premio, Fabrizio Tarricone ha sottolineato di “essere orgoglioso di rappresentare il made in Italy ai World Beer Awards, che ringrazio e con cui mi complimento perché creano un’occasione importante per confrontarsi con birre provenienti da tutto il mondo, permettendo alle vincitrici di distinguersi e conquistare prestigiosi spazi nel mercato internazionale, offrendo garanzie qualitative a tutti i consumatori. Voglio condividere questa gioia del premio conseguito con tutti i nostri dipendenti e con i consumatori che stanno apprezzando sempre più le nostre birre di alta qualità“.

Beer World Awards

Il Beer World Awards è un concorso internazionale annuale nato nel 2007 in cui vengono assegnati premi alle migliori birre del mondo. I premi sono divisi in categorie: Dark Ale, Lager, Pale Ale, Specialità, Stout e Porter, birra di grano. Il giudizio viene suddiviso per regione, vale a dire Asia, Europa e l’America e poi viene scelto un vincitore mondiale per tipologia.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS