IL SANTO DEL GIORNO SAN NICOLA DA TOLENTINO

10680
s.nicola tolentinoSan Nicola da Tolentino, sacerdote, nacque nel 1245 a Castel Sant’Angelo in Pontano nella diocesi di Fermo. A 14 anni entrò nella comunità di Eremiti di Sant’Agostino di Castel Sant’Angelo come oblato, cioè ancora senza obblighi e voti. Più tardi entrò nell’Ordine e nel 1274 venne ordinato sacerdote a Cingoli.
Attorno al 1275 fu destinato stabilmente al convento di Tolentino dove riconfermò il proposito che fin da piccolo si era prefisso: rinnegare se stesso. Perciò si stimava l’ultimo dei fratelli e cercava sempre gli uffici più umili, contento quando poteva eseguire la volontà altrui, e rinunziare alla sua. Predicava quasi tutti i giorni e le sue prediche producevano frutti meravigliosi. Nessuno poteva resistere alla forza e alla dolcezza dei suoi discorsi sia pubblici che privati. Dedicava buona parte della sua giornata a lunghe preghiere e digiuni. Un asceta che diffondeva sorriso, un penitente che metteva allegria.
Dopo aver sofferto una lunga malattia morì all’età di 60 anni, il 10 settembre 1305, pieno di virtù e di meriti nel convento di S. Agostino di Tolentino. I devoti ne ricordano la mitezza, l’ingenua semplicità e la dedizione per la verginità, che non tradì mai, custodendola con la preghiera e la mortificazione.
Il processo di canonizzazione iniziò nel 1325 con Papa Giovanni XXII e si concluse nel 1446 con Papa Eugenio IV. Tuttavia già fin dalla metà del ‘300 veniva raffigurato con l’aureola.
CURIOSITÀ: È considerato un santo mariano poiché sostenne di avere la visione degli angeli che trasportavano la Santa Casa di Loreto nella città marchigiana il 10 dicembre del 1294.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS