L’autopsia conferma: Sofia morta per complicanze cerebrali legate alla malaria I periti hanno chiesto 60 giorni di tempo per depositare la relazione dell'esame autoptico

234
malaria

“L’autopsia ha confermato il referto e la diagnosi ospedaliera di morte per encefalopatite malarica“. E’ quanto ha riferito il procuratore capo di Treno, Marco Gallina, riferendo così quanto lui stesso ha appreso dai primi risultati dell’esame autoptico. I periti, che hanno confermato il decesso per una complicanza cerebrale causata dalla malaria, hanno chiesto 60 giorni tempo per depositare la relazione autoptica. Nel frattempo la Procura di Trento ha inviato all’ospedale di Brescia il nulla osta per la sepoltura di Sofia.

Le indagini in corso

Intanto, l’Istituto superiore della sanità sta effettuando delle analisi per verificare se il Plasmodium falciparum sia dello stesso ceppo che ha contagiato anche i due bambini, rientrati da una vacanza in Burkina Faso, che erano ricoverati nello stesso reparto di Sofia.

Il dg dell’azienda sanitaria di Trento: “Non so se si arriverà a soluzione”

“La situazione è molto complessa, non so se si arriverà ad una soluzione del caso e ciò sarebbe grave. Ci vorrà comunque molto tempo e tutti vogliamo scoprire la verità”. E’ quanto ha affermato il direttore generale dell’Azienda sanitaria di Trento, Paolo Bordon, al margine della conferenza stampa sulla morte della piccola Sofia. Nel frattempo proseguono le indagini nell’ambito dell’inchiesta contro ignoti per omicidio colposo aperta dalla Procura della Repubblica di Trento e guidata dal procuratore capo Marco Gallina.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS