Francia, bimba scomparsa a un matrimonio: fermato secondo sospettato La Gendarmeria francese ha comunicato di aver fermato un uomo di 34 anni dopo che, in fase di interrogatorio, le sue dichiarazioni erano apparse contraddittorie

343
bimba scomparsa

Mentre proseguono incessantemente le indagini e le ricerche della piccola Maelys – la bimba di 9 anni scomparsa durante una ricevimento nuziale a Pont-de-Beauvoisin domenica scorsa – la gendarmeria francese ha comunicato di aver fermato un secondo sospetto.

I due sospettati

Ieri, le forze dell’ordine avevano fermato un ragazzo di 24 anni che si trovava nei pressi del luogo dove la bambina era stata vista l’ultima volta. Oggi, invece, la gendarmeria ha fermato un uomo di 34 anni e ha reso noto che le dichiarazioni dell’individuo presentano alcune “contraddizioni”. Secondo i media locali, l’uomo sarebbe un amico del primo sospetto fermato giovedì mattina.

La scomparsa di Maelys

Maelys, 9anni, per l’ultima volta è stata vista nel grande parcheggio del locale di Pont-de-Beauvoisin, dove si festeggiavano le nozze, e dove i cani poliziotto l’hanno individuata durante le ricerche. I cani addestrati hanno cominciato a guaire proprio nella zona antistante il locale, smettendo subito dopo. I poliziotti sono quindi propensi a credere che la piccola Maeylis sia stata proprio lì, vicino alle auto in sosta. Anche se al momento non è possibile dimostrare che la bimba sia stata portata via da un’auto, gli inquirenti hanno escluso che la piccola si sia allontanata volontariamente. Quando la madre si è resa conto che la piccola non era più con gli altri, ha dato l’allarme. Il dj della festa ha lanciato il primo annuncio dal microfono, interrompendo le danze. Da quel momento sono scattate le ricerche ovunque, dai boschi circostanti alle condutture delle fogne.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS