Kenya, la Corte Suprema annulla le presidenziali: nuove elezioni entro 60 giorni Riscontrate irregolarità nel voto che aveva portato alla conferma di Kenyatta. Il leader dell'opposizione Odinga: "Giorno storico per il Paese e per l'Africa"

281
  • English
kenya

Le elezioni presidenziali in Kenya dovranno ricelebrarsi entro 60 giorni. Lo ha deciso la Corte Suprema del Paese africano dopo aver riscontrato irregolarità nel voto dello scorso 8 agosto, che aveva confermato Uhuru Kenyatta alla guida del Paese.

Sono stati quattro dei sei giudici della Corte suprema a votare in favore della petizione presentata da Raila Odinga, principale sfidante dell’attuale presidente e suo storico oppositore, che contestava l’esito delle elezioni, denunciando brogli. Secondo i dati forniti dalla Commissione elettorale, il 56 enne Kenyatta ha vinto con il 54,31% dei suffragi mentre il suo antagonista Raila Odinga, 72 anni, ha ottenuto il 44,81% delle preferenze. Secondo Odinga quello di oggi è “un giorno veramente storico per il popolo del Kenya e per tutta l’Africa”.

Furioso l’attuale capo di Stato che ha bollato come “truffatori” i membri della Corte Suprema. Kenyatta ha comunque dato l’impressione di aver già avviato la sua nuova campagna elettorale e ha promesso di trasformare Nairobi “in modo tale che sembrerà Londra“.

Le presidenziali di quest’anno sono state precedute da omicidi e misteriose scomparse. Chris Msando, capo del Comitato di supervisione del voto, che quest’anno si preannunciava super tecnologico e all’avanguardia, è stato torturato e ucciso. Andreas Katsouris, consulente canadese del leader dell’ìopposizione, è stato portato via a forza dalla sua stanza d’albergo a Nairobi, e messo sul primo volo per Toronto.

Subito dopo la pubblicazione degli esiti si erano verificate manifestazioni violente in tutto il Paese che avevano provocato la morte di numerose persone.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS