Tromba d’aria a Ostia e Passo Scuro: diversi feriti, uno è grave Panico tra i bagnanti che all'improvviso hanno visto volare via ombrelloni e sdraio

3844

Una tromba d’aria ha seminato paura e danni sul litorale romano. In pochi secondi ombrelloni, lettini e sdraio sono letteralmente volati via a Ostia, sul lungomare Amerigo Vespucci. E’ accaduto intorno alle 13: particolarmente colpito lo stabilimento Zenit dove sono rimasti coinvolti diversi bagnanti. Una decina hanno fatto ricorso alle cure mediche perché colpiti dagli oggetti sollevati dal vento, che si è levato improvviso e con grande intensità. Ben presto alcuni ombrelloni aperti si sono sganciati e hanno cominciato a volteggiare in aria, colpendo quanti erano nei pressi. E lo stesso è stato per alcune sdraio: il vento ha gonfiato la parte in tela, creando un effetto paracadute e quindi spostandole di qua e di là. Poi, di colpo, com’era arrivata, così la tromba d’aria è cessata.

Bagnanti feriti

Immediato l’allarme e sul posto sono arrivate quattro ambulanze e un’automedica. Il personale sanitario ha medicato sul posto alcuni dei contusi e feriti. Per due di loro è stato necessario il trasferimento al vicino ospedale Grassi a causa del trauma cranico riportato: uno dei feriti è stato ricoverato con codice rosso. Una persona è stata portata a Pomezia in codice giallo per un trauma cranico mentre tre pazienti, in codice verde, sono stati trasportati al S. Eugenio.

Paura anche a Passo Scuro

Tanta paura tra i bagnanti, perché il fenomeno è stato improvviso e inspiegabile. E non si è trattato di una situazione isolata perché più o meno contemporaneamente una mini tromba d’aria si è registrata più a nord a Passo Scuro, in territorio di Fiumicino. Anche in questo caso ombrelloni e materassini volati via e trascinati al largo, mentre alcuni lettini e sdraio sono stati rovesciati ma in questo caso non si registrano feriti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS