McDonald’s solidale, pasti gratis ai clochard di Roma per tutta l’estate

518
mc

Continuerà anche per i mesi estivi la collaborazione tra l’associazione “Medicina Solidale onlus” e il ristorante “McDonald’s” di Borgo Pio per aiutare i senza fissa dimora e i più fragili che vivono nelle strade della Capitale.

I clochard a Roma

Secondo le ultime statistiche, a Roma, vivono più di 2 mila clochard, mentre sono circa 8 mila le persone, tra cui diversi nuclei familiari, che vivono in macchina o in camper in parcheggi improvvisati, lungo le strade della città. In tale contesto di grave e preoccupante emergenza, grazie alla rinnovata disponibilità del punto vendita del McDonald’s situato a due passi da San Pietro in Vaticano, e alla collaborazione dei volontari di Medicina Solidale sono stati messi a disposizione altri 1000 pasti, che verranno distribuiti alle persone senza fissa dimora e in stato di indigenza presenti nell’area di San Pietro e del quartiere Prati. La distribuzione si terrà il sabato mattina presso il centro Vo.Re.Co. a via della Lungara, 141/a. A ritirare e consegnare i pasti speciali, destinati ai meno fortunati, saranno i volontari di Medicina Solidale. Il menù prevede un doppio cheeseburger, delle mele fresche tagliate in busta e una bottiglietta d’acqua.

Ercoli: “Segno di attenzione verso gli ultimi”

“La rinnovata disponibilità di McDonald’s è un segno importante di attenzione verso gli ultimi – spiega Lucia Ercoli, direttore dell’associazione Medicina Solidale – soprattutto nel periodo estivo durante il quale tante criticità sociali di accentuano in una città come la nostra sempre più in difficoltà”. Quindi aggiunge: “I dati su chi vive in strada ci dicono che abbiamo un numero impressionante di persone che non hanno più nessun tipo di sostegno. Questa nostra iniziativa per fortuna si inserisce in un grande movimento di solidarietà spontanea che esiste a Roma, ma che con il crescere dei bisogni sta andando in sofferenza”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS