Taranto, sale in Promozione la “squadra dei migranti” Si tratta della Talsano Africa United: è composta esclusivamente da richiedenti asilo

403
migranti

Una squadra di calcio composta solo da richiedenti asilo per protezione umanitaria, accolti in diverse strutture di Taranto e provincia la “Talsano Africa United”, ha vinto il campionato salendo in Promozione. Ciò è stato possibile grazie ad un progetto, sostenuto dallo Spi Cgil Puglia, che ha deciso di accompagnare economicamente, oltre che moralmente, questo percorso sportivo. Come riportano i media locali, l’iniziativa è nata dall’intuizione dell’Asd Talsano, ovvero di formare un’unica squadra composta da giovani migranti africani (in prevalenza subsahariani del Gambia), ospiti dell’Associazione Salam. Loro, giunti in Italia con la speranza di un futuro migliore, non appena avevano tempo, raggiungevano il parco Batteria Cattaneo per giocare. Alcuni erano già atleti in patria, in fuga dalla guerra.

I festeggiamenti

Nella serata di giovedì 13 luglio, a partire dalle 19:30, in piazza Maria Immacolata, a Taranto, saranno celebrati i successi della squadra con una grande festa, intitolata “L’Africa di via Mediterraneo contro razzismo e discriminazioni”. Una serata ricca di musica e ospiti. In platea siederanno le cooperative che si occupano di integrazione tutti i giorni e alcuni loro ospiti. Nel corso della serata i giovani migranti della Talsano Africa United racconteranno la loro quotidianità, e lo faranno servendosi anche del linguaggio del calcio: parleranno di un assist che lancia il riscatto, o di un gol che restituisce dignità, fino ad una parata che si trasforma in speranza. Come riferiscono i media locali, alla serata saranno presenti anche Gianni Forte, segretario generale dello Spi Cgil Puglia; Paolo Peluso, segretario generale della Cgil di Taranto, lo staff dirigenziale dell’ASD Talsano e l’allenatore Diego Lecce.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS