Caldo da record in Italia: sfiorati i livelli del 2003, ma non sarà un’estate torrida

591
caldo

Un caldo così non lo si avvertiva da 14 anni. Era l’estate 2003, quella dei record. Quella dei blackout nelle città per i consumi energetici alle stelle. Uno spettro che aleggia su ogni bella stagione appena la colonnina di mercurio si avvicina ai 40 gradi. E anche quest’anno, appena il clima è diventato bollente è scattato, puntuale, il paragone con il 2003.

Giugno da record

Il giugno che ci siamo lasciati alle spalle, in effetti, ha sfiorato quel primato, come indicano le prime analisi dell’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Isac-Cnr). Sebbene i meteorologi non prevedano un’estate rovente, luglio è cominciato all’insegna di un caldo straordinario e con un fine settimana “bollente” in tutta Italia, con temperature che superano 35 gradi e picchi fino a 40 gradi.

Colpa dell’anticiclone

Da lunedì però si prevede un cambiamento, più marcato giovedì e venerdì, con una perturbazione sul Centro-Nord. “Giugno 2017 se la batte con quello del 2003 e, se non il primo più caldo a partire dal 1800, potrebbe essere sicuramente il secondo“, ha detto Bernardo Gozzini, direttore del consorzio Lamma (Laboratorio di Monitoraggio e Modellistica Ambientale) che riunisce Regione Toscana e Cnr. A rendere l’estate 2003 molto particolare era stato l’anticiclone africano, simile a quello responsabile del caldo di questi giorni ma più persistente: “Aveva infatti creato una situazione molto stabile su tutto il Mediterraneo, cominciata a fine maggio e perdurata per tre mesi”, ha spiegato l’esperto.

Anche nel giugno 2017 lo stesso fenomeno ha determinato una situazione di bassa pressione sull’Atlantico che ha richiamato aria calda da Marocco e Algeria verso l’Europa. Una perturbazione dall’Atlantico, però, ha poi riportato le temperature su valori normali, con i temporali arrivati sull’Italia settentrionale a fine giugno.

Si torna a respirare

Si annuncia comunque un’estate diversa da quella del 2003: “In questi primi giorni di luglio – ha osservato Gozzini – l’anticiclone africano ha portato aria calda algerina e, con essa, temperature elevate, ma già da lunedì a Nord e da giovedì o venerdì nel resto della penisola si prevede un cambiamento, con temperature più basse e temperali sparsi“.

Cosa ci aspetta a luglio e agosto

A spiegare il gran caldo, ha detto il meteorologo Andrea Giuliacci, di meteo.it, c’è il fatto che è piovuto poco sia in inverno sia in primavera e, contrariamente a quanto avviene di solito all’inizio dell’estate, i primi raggi del Sole non sono serviti a far evaporare umidità, ma hanno surriscaldano l’atmosfera. In generale, luglio e agosto si annunciano un po’ più piovosi, ma molto dipenderà dall’andamento dell’anticiclone africano. Quest’ultimo è da almeno 20 anni un protagonista ricorrente dell’estate, ha osservato Giuliacci: “una situazione come quella attuale sarebbe stata anomala 30 o 40 anni fa”, quando “l’anticiclone delle Azzorre portava sull’Italia aria non particolarmente calda e mitigata dal mare. L’anticlone africano africano trascina invece l’aria dalle regioni interne del Nord Africa, con temperature decisamente elevate, portando ondate di calore più durature“.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY