Turchia: blitz della polizia, fermata la direttrice di Amnesty International Dodici persone, tra cui due stranieri, sono state portate in caserma dalle forze dell'ordine. Ignote, al momento, le accuse

291
amnesty

Almeno 12 attivisti di primo piano per i diritti umani, tra cui la direttrice di Amnesty International della Turchia, Idil Eser, e 2 stranieri sono stati fermati dalla polizia in un hotel di Buyukada, una delle isole al largo di Istanbul, sul mar di Marmara, e portati in una caserma. Il blitz delle forze dell’ordine è avvenuto durante un workshop che si stava svolgendo nella struttura. Le accuse nei loro confronti restano ignote e non hanno ancora potuto incontrare i loro legali.

Tra i fermati risultano almeno 7 altri attivisti e il proprietario dell’hotel in cui è avvenuto il blitz. I due stranieri sarebbero di nazionalità tedesca e svedese. “È un grottesco abuso di potere che sottolinea le precarie condizioni che devono affrontare gli attivisti per i diritti umani nel Paese”, ha denunciato il segretario generale di Amnesty, Salil Shetty, chiedendo che i fermati siano “liberati immediatamente e senza condizioni”.

Il mese scorso era già stato arrestato il presidente dell’ong in Turchia, Taner Kilic, già avvocato del giornalista italiano Gabriele Del Grande, trattenuto per 2 settimane nell’aprile scorso. Kilic è tuttora detenuto. Le autorità lo accusano di legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gulen. Dal fallito golpe del 15 luglio sorso, oltre 50 mila persone sono state arrestate e 150 mila licenziate o sospese in Turchia.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS