Emergenza maltempo in India: almeno 32 morti per il monsone Nello stato di Assam è piena emergenza con 350 mila persone sfollate dalle loro case

214
monsone

Sono almeno 32 le persone decedute in India a causa delle piogge battenti, gli allagamenti e le frane provocate dal monsone stagionale che ha devastato vari stati dell’India, ma soprattutto il nord est (Assam e Arunachal Pradesh) ed in Gujarat.

Maltempo in tutto il Paese, oltre 350 mila sfollati

E se nella capitale, dove la perturbazione è ufficialmente giunta il 2 luglio, non piove quasi, l’Assam è invece in piena emergenza, con 350.000 persone di 750 villaggi di 13 distretti che sono state costrette ad abbandonare le loro case, anche per la minacciosa piena del fiume Brahmaputra. Grave anche la situazione in Arunachal Pradesh, dove molte strade sono state interrotte dalle frane e dove un elicottero della Protezione civile che portava viveri e generi di prima necessità per i villaggi isolati fra le montagne, è stato considerato oggi disperso. Difficilissima anche quotidianità nello Stato occidentale di Gujarat e nella sua capitale, Ahmedabad, che secondo il Dipartimento di meteorologia ha già ricevuto oltre il 23% delle piogge monsoniche medie stagionali, con un bilancio questa settimana, secondo The Indian Express, di 32 morti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS