Orlando: “Se il Pd si allea con Berlusconi, serve il referendum” Sui migranti: "Serve un'iniziativa comune per dire all'Europa 'guardate che così non reggiamo'"

294
orlando

“Se ci fosse l’alleanza tra Pd e Berlusconi, chiederei agli iscritti cosa ne pensano, attraverso un referendum”, ma – avverte il Guardasigilli, Andrea Orlando a ‘L’intervista’ di Maria Latella su Skytg24 – una tale intesa rappresenterebbe “uno scenario inquietante e improponibile”. “Mi pare – aggiunge Orlando – che anche Renzi lo abbia negato. Ma se cessiamo di essere di sinistra sarebbe un’altra cosa. Ora bisogna lavorare per scongiurare questo scenario”.

Renzi e Pisapia

“Non vedo contrapposizione tra le parole d’ordine delle due manifestazioni di Roma e Milano”, di Renzi e Pisapia. “Se guardiamo ai contenuti, penso alle parole di Martina che riprendono il filo di quelle di Pisapia, credo ci siano le condizioni per ricomporre il centrosinistra. A patto di mettere da parte e superare i personalismi”, ha detto ancora Orlando, aggiungendo: “Alla direzione di luglio, ci faremo sentire, non ci rassegneremo all’idea del proporzionale e spingeremo per costruire la coalizione. E’ un passaggio inevitabile se vogliamo ricomporre il popolo”.

“Mettiamo da parte” le divisioni personali, “altrimenti vince la destra. Dove il centrosinistra si è diviso, è stato sconfitto. E questa è una buona ragione per costruire una coalizione”, ha insistito Orlando

Sui migranti

Orlando propone “un sistema di alleanze” di “tutte le forze politiche” per “decidere “un’iniziativa comune per chiedere coralmente all’Europa uno sforzo” per fronteggiare l’emergenza immigrati sulle nostre coste.

“Serve un’iniziativa comune per dire all’Europa ‘guardate che così non reggiamo’ – ha sottolineato il Ministro della Giustizia -. Queste persone che fuggono dalla povertà e dalla guerra vengono in Italia, perché è il lembo d’Europa più vicino all’Africa. Questo è un problema che riguarda assolutamente tutti”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS