Brescia, molotov contro l’hotel che ospiterà i profughi E' stato il proprietario dell'albergo Eureka, Valerio Ponchiardi, a spegnere le fiamme

213

Atti intimidatori di matrice razzista contro gli extracomunitari. È quanto accaduto la notte scorsa a Vobarno, in provincia di Brescia, dove ignoti hanno lanciato due bombe molotov all’interno di un albergo destinato ad ospitare i profughi. Non ci sono stati feriti né vittime perché l’hotel Eureka – questo il nome dello stabile destinato ai migranti – è attualmente chiuso al pubblico.

Atto intimidatorio

Ma i danni alla struttura – che sarebbe stata individuata per dare ospitalità a 35 richiedenti asilo – sono stati importanti tanto da mettere in forse l’imminente accoglienza. Proprio sul tema dell’accoglienza si concentrano le indagini dei carabinieri: il gesto potrebbe infatti essere un’intimidazione nei confronti del proprietario dell’albergo affinché non apra le porta ai profughi.

Incendio domato

E’ stato proprio il proprietario dell’Hotel Eureka, Valerio Ponchiardi, a doversi improvvisare pompiere per spegnere le fiamme che stavano avvolgendo la parte del pianterreno adibita a bar. Qualcuno aveva gettato in terra le molotov artigianali e una tanichetta di benzina – che avevano preso immediatamente fuoco – dopo ave rotto una finestra del piano terra.

Ponchiardi, da solo, è riuscito a limitare i danni usando gli estintori, ma il bar è stato devastato. Le indagini punterebbero su alcune minacce ricevute nei giorni scorsi da Ponchiardi, ma lui ha assicurato di non aver firmato alcun contratto in merito alla locazione per i profughi. E adesso, anche volendo, sarebbe impossibile farlo.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS