Migranti, Minniti: “E’ una questione europea, ora Bruxelles faccia sul serio” Il ministro dell'Interno a Repubblica: "Fronteggiamo da soli una pressione fortissima. Erano necessarie decisioni immediate"

335
minniti

“Quello che stava accadendo nel Mediterraneo centrale e quello che accadrà nelle prossime ore nei nostri porti e lungo le nostre coste richiedeva la mia presenza qui a Roma. E delle decisioni immediate. Che sono state prese“. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Marco Minniti, in un colloquio con Repubblica a proposito della questione migranti e sul blocco che potrebbe scattare per l’attracco delle navi straniere nei porti italiani.

Ho sempre detto e ripetuto“, osserva Minniti, “che non si può separare l’imperativo morale della salvezza in mare di vite umane dall’obbligo di provvedere alla loro accoglienza. Farlo significherebbe piegarsi a un’ipocrisia che non mi appartiene. Noi, arrivati a questo punto, ci troviamo a fronteggiare una pressione fortissima. Che sosteniamo da soli”.

Da tempo “ripeto che la questione dei migranti è una questione europea – prosegue il ministro -. E non è un modo di dire. Abbiamo deciso per un atto formale che non faccia più percepire questa affermazione come una semplice petizione di principio o, peggio, un ululato alla luna. Abbiamo dimostrato in questi mesi di essere persone serie sul problema dei migranti e dunque ora chiediamo che l’Europa faccia sul serio con noi”.

Quando Macron ha detto a Bruxelles che l’Italia in questi anni è stata lasciata sola, sottolinea Minniti “l’ho considerato un fatto straordinario. Sono certo che la Francia si muoverà dunque con coerenza”. Il titolare del Viminale auspica che “già oggi nel vertice europeo che prepara il G20 di Amburgo, ci sia un segnale di reale comprensione delle questioni che abbiamo posto. Abbiamo scommesso e puntato su un’accoglienza diffusa sul nostro territorio, sapendo però che l’accoglienza ha un limite nella capacità di integrazione. E quindi quel limite non verrà superato, perché farlo significherebbe non avere a cuore il presente e il futuro del nostro Paese”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS