A Piazza del Popolo la “Girandola” di Michelangelo per la festa dei Santi Pietro e Paolo Il 29 giugno la rievocazione della "macchina" cinquecentesca dalla terrazza del Pincio

941
girandola

Il 29 giugno, giorno in cui Roma festeggia i santi patroni, Pietro e Paolo, torna la “Rievocazione Storica della Girandola”, un grande spettacolo pirotecnico in sincronia musicale. Quest’anno, per la seconda volta, si svolgerà a Piazza del Popolo, e non a Castel Sant’Angelo, luogo per il quale fu ideata da Michelangelo Buonarroti. Il Pontificio Consiglio per la Cultura ha concesso il suo patrocinio, riconoscendo nell’evento un valore culturale, storico, artistico e sociale.

La “Girandola”

Lo spettacolo pirotecnico di Michelangelo venne recuperato, e rievocato, per la prima volta nel 2006 dal cavalier Giuseppe Passeri. All’epoca fu eseguita dai Colli Vaticani in occasione dell’anniversario dei 500 anni della fondazione della Guardia Svizzera Pontificia. Successivamente, due anni più tardi, nel 2008, è stata ripristinata e proposta, in base agli studi storici di Passeri, a Castel Sant’Angelo per ben otto anni di seguito. Ora, seguendo le orme storiche dell’architetto Luigi Poletti e Virginio Vespignani la Girandola si trasferisce sulle Terrazze del Pincio, la nota balconata che da su Piazza del Popolo.

Lo spettacolo pirotecnico dalla terrazza del Pincio

L’appuntamento è dunque per giovedì, 29 giugno alle ore 21:30 a Piazza del Popolo. Lo spettacolo musicale, su repertorio di musica classica di epoca barocca. La Girandola è patrocinata, inoltre, dal Mibact, da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale e promosso da Acea spa, Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo, Associazione Culturale MetaMorfosi e Ninetynine. Organizzatore e realizzatore della “Rievocazione Storica della Girandola” è il Gruppo IX Invicta.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS