Modena. Uccide il compagno a coltellate e avverte la Polizia La vittima è un sessantenne dirigente d'azienda, l'assassina una donna rumena poco più giovane

426
Polizia a Modena

“Venite, l’ho ammazzato”. Questa la frase che hanno ascoltato al telefono gli uomini della polizia questa mattina intorno alle sei. A chiamarli una donna rumena, che aveva appena ucciso a coltellate il suo compagno, Claudio Palladino, dirigente aziendale di sessanta anni.

La Volante è arrivata sul posto, un appartamento al terzo piano di una palazzina in un quartiere residenziale di Modena, ma ormai non c’era più niente da fare. La vittima era ormai priva di vita, colpita da almeno una decina di coltellate tra addome e torace. L’uomo è stato inoltre evirato. La polizia ha immediatamente iniziato i rilievi scientifici nell’appartamento.

Al momento non è chiaro se tra i due ci sia stata una colluttazione prima del raptus omicida. La donna, poco più giovane della vittima, in mattinata è interrogata per capire quale sia stato il movente del suo gesto. Tuttavia gli inquirenti hanno definito la sua ricostruzione dei fatti “fantasiosa” e dunque poco credibile.

C’è sgomento tra i vicini della coppia, che descrivono i protagonisti della tragica vicenda “due persone tranquille” e che questa mattina hanno sentito le urla provenire dall’appartamento.

Un episodio simile era avvenuto appena ventiquattro ore prima a Genova, dove una donna di quaranta anni ha ucciso a coltellate il convivente e, subito dopo, ha minacciato il suicidio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS