Evitano un disastro ma la compagnia li abbandona in aeroporto

1995

Il video postato su Youtube ha fatto il giro del mondo. Due sposini in partenza per la luna di miele hanno probabilmente salvato la vita a centinaia di passeggeri e all’equipaggio di un volo della United Airlines ma per tutta risposta sono stati letteralmente abbandonati in aeroporto dalla compagnia.

E’ accaduto nei giorni scorsi nel Newark Liberty International Airport, in New Jersey. Due sposi novelli, Mike e Rachel Brumfield, imbarcati su un volo diretto a Venezia si sono accorti che dall’ala sinistra dell’aereo c’era una copiosa perdita di carburante. La giovane signora ha ripreso tutto col telefonino mentre il marito è corso ad avvertire le hostess. Che prima l’hanno invitato a calmarsi dicendo che era tutto sotto controllo, poi si sono rese conto della falla e hanno avvisato i piloti. I quali hanno chiamato la coppia nella cabina di pilotaggio per ringraziarli.

Risultato: volo annullato e passeggeri fatti sbarcare in attesa di partire il giorno successivo con un aereo della Delta dall’aeroporto Kennedy. E qui arriva l’incomprensibile comportamento della compagnia, che mentre ha assicurato un pernottamento in hotel a tutti gli altri passeggeri, ai coniugi Brumfield ha fornito solo un voucher per la cena. Mike ha così ripreso la moglie sdraiata per terra in aeroporto ed ha espresso la sua rabbia postando la foto sui social: “La mia bellissima sposa in luna di miele. Grazie United Airlines”.

La compagnia non ha voluto commentare l’accaduto ma nei confronti dei due sposini è scattata la solidarietà degli altri passeggeri, al punto che uno di loro ha pagato il noleggio di una limousine per il trasferimento al JFK dove, finalmente, la coppia ha potuto spiccare il volo alla volta dell’Italia.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS