Roma, è morta la stilista Carla Fendi: la Signora della Moda aveva 80 anni Carla era la quarta delle cinque sorelle che nel 1960 presero il comando della maison di famiglia

397

Si è spenta a Roma Carla Fendi, la Signora della Moda. La stilista aveva 80 anni ed era malata da tempo.

Le cinque sorelle Fendi

Carla era la quarta delle cinque sorelle che nel 1960, dopo la morte del padre, presero il comando della maison di famiglia. “Mia madre – raccontava Carla – era orfana di padre: quando andò a Firenze da sua zia chiese di poter lavorare, anche se all’epoca poche donne lo facevano. Non voleva essere mantenuta dai parenti. Avevano una pelletteria. È cominciato tutto così. Poi mamma si fidanzò con mio padre e tornò a Roma, dove aprirono la loro pelletteria”.

La continuata collaborazione con Lagerfeld

Insieme alle sorelle, aveva lavorato a lungo nella progettazione al fianco di Karl Lagerfeld che ricopre da diversi anni il ruolo di direttore creativo. Carla si occupava del settore vendite. “Uno dei primi insegnamenti ricevuti da mamma è come si deve ricevere il cliente”, raccontava. “Bisogna essere ancora più gentili con chi non acquista nulla, perché potrebbe tornare”. Inoltre, seguiva anche la comunicazione e le pubbliche relazioni. Geniale l’idea di puntare sul mercato americano, che farà poi da ponte per conquistare il resto del mondo.

La fondazione

Presidente onorario del Gruppo Fendi, è sempre stata amante, insieme al marito Candido – scomparso nel 2013 pochi anni dopo aver festeggiato le nozze d’oro con la sua adorata Carla – di arte e musica. A partire dagli anni ’80, lega il nome del gruppo al Festival dei Due Mondi di Spoleto e, nel 2007 crea la Fondazione Carla Fendi che opera con azioni di mecenatismo allo scopo di supportare le arti, l’artigianato e il sociale. La fondazione, oltre al festival spoletino, sostiene dal 2010 l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia in qualità di socio mecenate.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS