Papa Francesco visiterà Cile e Perù a gennaio Il Pontefice sarà in Sud America anche a settembre quando visiterà la Colombia. Argentina e Uruguay dovranno attendere ancora

199
egitto

Il direttore della Sala Stampa vaticana, Greg Burke, ha annunciato un nuovo viaggio apostolico di Papa Francesco che  a gennaio tornerà in Sud America ma ancora una volta non andrà in Argentina. Il S. Padre, infatti, si recherà in Cile e in Perù “accogliendo l’invito dei rispettivi capi di Stato e vescovi”. Francesco visiterà Santiago, Temuco e Iquique dal 15 al 18 gennaio del prossimo anno; poi si sposterà in Perù per toccare Lima, Puerto Maldonado e Trujillo.

Sono 18 finora i viaggi apostolici internazionali del Pontefice. L’ultimo è stato quello dello scorso maggio a Fatima per il centenario delle apparizioni della Madonna di Fatima. Il prossimo sarà ancora in Sud America, precisamente in Colombia, dove il Papa si recherà dal 6 all’11 settembre visitando Bogotà, Villavivencio, Medellìn e Cartagena. Un viaggio importante per dare un ulteriore impulso al processo di pacificazione tra il governo colombiano e la guerriglia. In precedenza il Pontefice era già stato più volte in America Latina.

Il primo indimenticabile viaggio fu quello in Brasile per la Giornata mondiale della Gioventù nel 2013, già programmato dal suo predecessore Benedetto XVI. Poi nel 2015 toccò Ecuador, Bolivia e Paraguay. A queste nazioni si possono aggiungere i Paesi latinoamericani del Centro America come Cuba (settembre 2015) e Messico (febbraio 2016). Insomma se si eccettuano i piccoli stati di Guyana e Suriname, e il Venezuela, dove la situazione politica e i disordini di piazza al momento non permettono una visita del Papa, sono proprio Argentina e Uruguay le uniche nazioni del continente sudamericano che dovranno ancora attendere per abbracciare il Pontefice venuto da quella terra “quasi alla fine del mondo”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS