Maturità 2017: studenti poco informati sull’esame, sul web impazza il toto tema Pirandello, mafia e terrorismo i più quotati secondo i siti specializzati. La maggior parte dei candidati non conosce le info base sulle prove

421
maturità

Ancora un paio di giorni di studio e poi la aule e i corridoi delle scuole superiori di tutta Italia torneranno a riempirsi per l’esame di Maturità. Migliaia di studenti affrontano questi giorni tra ansia e voglia di “togliersi il dente” il prima possibile. Come di consueto, in vista della prova di italiano, è scattato il toto tema. Sul web non mancano voci e indiscrezioni. Negli ultimi anni spesso i siti specializzati (come Skuola.net e Studenti.it) hanno azzeccato le previsioni. Ma fino al 21 giugno – giorno in cui suonerà la prima campanella – nulla può essere dato per scontato.

Gli ultimi rumor mettono in cima ai pronostici Pirandello, le stragi di mafia, il terrorismo e l’Unione Europea. Secondo un sondaggio di Skuola.net tra 2.500 candidati, lo scrittore siciliano è al momento l’opzione più probabile (23%) per l’analisi del testo. Gli unici a tenergli testa sono Giuseppe Ungaretti (all’11%) ed Eugenio Montale (10%). Perde terreno, invece, l’ipotesi Dario Fo: se fino a qualche tempo fa era in terza posizione oggi è slittato all’8% di preferenze.

Nella categoria “personaggi famosi” in appena un mese guadagnano dieci punti percentuali, dal 28% al 38%, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Nel toto-tracce dei maturandi spuntano due temi di stampo storico politico: da un lato i 60 anni dalla firma dei Trattati di Roma, che ottiene il 21% di consensi confermandosi in prima posizione, dall’altro i 70 dalla firma della Costituzione italiana (oggi al 16%).

Quanto alla traccia d’attualità, l’argomento terrorismo pare offuscare tutto il resto con quotazioni al 33% (quattro settimane fa era appena al 20%). La seconda posizione (10%) se la aggiudica l’elezione di Donald Trump.

A ridosso degli esami tra i maturandi rimangono tuttavia perplessità su alcuni “dettagli”. Almeno a guardare i risultati di un altro sondaggio di Skuola.net. Se circa il 10% non conosce esattamente la data di inizio degli esami di maturità e il 50% sbaglia l’orario di partenza degli scritti, infatti, quasi 1 su 5 non sa che il tempo a disposizione per svolgere il tema di italiano è di 6 ore. E’ poi solo il 56% dei maturandi a sapere che ogni candidato ha la possibilità di portare con sé il dizionario della lingua italiana insieme a quello dei sinonimi e contrari.

Tra i maturandi dello scientifico interpellati, solo circa 2 su 5 sono a conoscenza di quali strumenti possono portare con sé il giorno dello scritto di indirizzo: calcolatrice tascabile o scientifica e – novità di quest’anno – la grafica (purché non si connetta a internet e non sia dotata di Cas). Tutti gli altri perderanno un potente alleato. Così come i ragazzi del classico, che nel 70% dei casi ignorano di poter posizionare sul banco sia il vocabolario di Latino sia il dizionario di Italiano. Passando al capitolo “divieti”, il 5% degli studenti pensa che se verrà beccato a usare lo smartphone se la caverà con un semplice rimprovero, mentre il 47% è dell’opinione che venga “solo” annullata la prova in svolgimento. La realtà – come sa bene circa il 48% – è che per chi viene sorpreso a usare smartphone, tablet o apparecchi similari è prevista l’esclusione da tutte le prove.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS