Scherma italiana in lutto: addio al maestro Pierluigi Chicca Il ct azzurro dei Giochi di Sidney 2000 si è spento a 79 anni. La federazione ricorda l'atleta e l'allenatore

258
chicca

Lutto nel mondo della scherma. Dopo una lunga malattia è morto nella notte a Roma il maestro Pierluigi Chicca. Nato a Livorno 79 anni fa, dopo aver vinto il titolo mondiale under 20 a Varsavia 1957, conquistò in pedana due medaglie d’argento ed una di bronzo ai Giochi Olimpici di Roma 1960, Tokio 1964 e Città del Messico 1968 nella sciabola maschile a squadre.

Da maestro, ha esportato la scherma azzurra e la sciabola in particolare in Paesi come l’Egitto, Messico, Spagna e Brasile. Proprio come Direttore tecnico ha seguito la Nazionale brasiliana fino ai Giochi Olimpici di Londra 2012. Fu Commissario tecnico anche della Nazionale azzurra di sciabola dopo i Giochi Olimpici di Sydney 2000 sino a gennaio 2002.

Negli ultimi anni, è stato coordinatore di diversi corsi di formazione magistrale promossi dalla Federazione Italiana Scherma, durante i quali non ha mancato di trasmettere la sua grande passione e competenza ai giovani maestri italiani.

“Oggi la scherma italiana è in lutto, per la perdita di un atleta che ha scritto pagine importanti della sua storia – si legge nella nota della Fis – di un maestro che ha formato atleti in pedana e tecnici, e soprattutto di un uomo appassionato di sport e di scherma in particolare. Il Presidente, il Consiglio federale, i Commissari tecnici, gli atleti della Nazionale e la Segretaria federale, esprimono un sincero e sentito sentimento di cordoglio alla famiglia Chicca”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS