Stabilita la data di nascita di Giove: è il “primogenito” del Sistema Solare Lo rivela lo studio coordinato dall'Istituto tedesco di Planetologia dell'Università di Münster

424

È il quarto pianeta nel Sistema solare per distanza dal Sole ma è decisamente il più grande di tutti e, da oggi, ha conquistato anche il titolo di “primogenito” della “famiglia”. Parliamo di Giove, il gigante gassoso del quale, per la prima volta, conosciamo la data di nascita: appena un milione di anni dalla formazione del nostro sistema planetario. Lo rivela lo studio coordinato dall’Istituto tedesco di Planetologia dell’Università di Münster, pubblicato sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti, Pnas.

L’importanza dei meteoriti

Il gruppo di ricercatori guidato da Thomas Kruijer ha scoperto l’età del pianeta gigante grazie agli elementi che compongono i meteoriti, sia i più antichi di tipo carbonaceo, sia i più recenti. I risultati indicano che questi due gruppi di meteoriti hanno coesistito per un lungo periodo di tempo, iniziato circa 1 milione di anni dopo la formazione del Sistema Solare. A separarli, è stata la presenza di un corpo celeste molto grande, come Giove, la cui gigantesca orbita ha impedito ai materiali di mescolarsi.

Questo processo – riporta l’Ansa – è avvenuto in un lasso di tempo brevissimo (su una scala cosmica): da un milione a 3-4 milioni di anni dopo la formazione del sistema solare. Di conseguenza, Giove è il pianeta più antico del sistema solare. E’ inoltre il più grande, arrivando ad avere 50 volte la massa terrestre.

Un gigante “buono”

Giove ha una funzione fondamentale per il nostro pianeta: grazie alla sua immensa forza gravitazionale, infatti, devia comete e oggetti pericolosi che potrebbero altrimenti schiantarsi sulla Terra. Ora si è scoperto che la sua ingombrante presenza avrebbe anche impedito la nascita di Super-terre, così comuni attorno ad altre stelle.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS