A compiere la rapina era stato un sosia, scarcerato innocente dopo 17 anni

643
sosia

Richard Anthony Jones, un cittadino americano, è stato incarcerato nel 1999. La sua colpa? Essere identico, fisicamente, ad un furfante che compì una rapina nello stesso anno. Contro di lui non ci sono mai state prove certe, se non le dichiarazioni di alcuni testimoni oculari. Il giudice lo condannò a oltre 19 anni di reclusione. Mentre era in carcere, Jones viene a sapere dell’esistenza del sosia. Così è stato avviato un nuovo processo al termine del quale è stato finalmente liberato per mancanza di prove.

La rapina del 1999

Fin da quando è stato arresto, Jones si era sempre detto innocente, spiegando che, mentre avveniva la rapina, si trovava con alla sua ragazza dall’altra parte della città. Invano ha sempre tentato di far riaprire il caso. Tuttavia, due anni fa, alcuni suoi compagni gli hanno fatto notare la sua straordinaria somiglianza con un altro uomo: un giovane, anche lui passato dal carcere, che ha lo stesso nome di Jones, ma conosciuto come Ricky. Così Jones ha cercato l’aiuto di un’associazione, la Midwest Innocence Project, grazie alla quale è venuto in possesso di una foto dell’uomo, dai tratti somatici molto simili ai suoi e tra l’altro residente non molto lontano dal luogo dove era stata compiuta la rapina. Ricky inoltre viveva a Kansas City, dove avvenne la rapina, mentre Jones abitava nell’omonima città del Missouri, al di là del confine.

Il sosia

La scoperta del sosia ha permesso a Jones di ottenere la riapertura del processo e far convocare il suo sosia in aula, dove i testimoni che avevano accusato Jones non sono riusciti a distinguere tra i due il vero colpevole e il giudice ha assolto Richard Jones. Per la stessa incertezza, non è stato possibile avviare un’inchiesta nei confronti di Ricky. “Non credo nella fortuna, credo di essere stato benedetto”, ha spiegato Jones ai media local. Restammo sbalorditi dalla somiglianza – ha raccontato uno dei legali che ha seguito il caso -. Tutti hanno un doppio, fortunatamente lo abbiamo trovato”. Dopo 17 anni di prigionia, ingiusta, Jones ha trovato giustizia. Tuttavia, la rapina del ’99 resta senza un colpevole.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS