Parla di bombe in treno e fa scattate l’allarme terrorismo: fermato un comico

639

Attimi di paura su un treno francese ad alta velocità per un sospetto terrorista, poi rivelatosi tutt’altra cosa.

I fatti

Un uomo a bordo del treno super veloce francese Tgv partito da Marsiglia e diretto a Parigi, si è chiuso in bagno ed ha iniziato a parlare di bombe ed pistole.

L’uomo è stato sentito da un addetto delle ferrovie che, intuendo le parole seppure pronunciate in inglese, ha immediatamente fatto scattare l’allarme. Il clima di paura che c’è in Europa per i recenti fatti di sangue avvenuti in Francia, Germania e in Gran Bretagna non ha migliorato la situazione, di per sé innocua.

Prove d’artista

Il treno è stato immediatamente fatto fermato a Valence e circondato dalle forze dell’ordine. Poco dopo il temuto attentatore è stato prelevato dagli agenti e portato via. Ma, interrogato, si è scoperto che non si trattava di uno jihadista, ma di … un attore comico che stava solo provando la sua parte.

Secondo quanto riferisce il quotidiano locale France Bleu, protagonista di questa vicenda è un attore comico francese di 35 anni che aveva deciso di provare la sua parte in uno dei bagni del treno per non disturbare gli altri passeggeri. Purtroppo per lui, la sua parte prevedeva le parole “pistole” e “bombe”. Da qui l’equivoco che – vista la paura generale – di comico ha avuto ben poco.

Dopo l’interrogatorio – accertato che non si trattava di un soggetto pericoloso – il povero attore è stato rilasciato. “Tenuto conto dello stato attuale del terrorismo e del livello di allerta nazionale, l’addetto ha voluto evitare rischi o dubbi e ha segnalato il soggetto alle autorità competenti”, ha dichiarato un portavoce della società ferroviaria francese. Tutto è bene quel che finisce bene. Tornato a casa, ci farà sopra una risata.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS