Nizza, l’Italia batte l’Uruguay 3 a 0. Azzurri avanzano nel ranking Fifa Le reti portano la firma di Eder e De Rossi (rigore). Nel primo tempo autogol di Gimenez. Ventura: "Siamo sulla buona strada"

316
italia

L’Italia si prende una parziale rivincita, a tre anni dalla sconfitta di Natal (costata l’eliminazione dal Mondiale brasiliano), battendo per 3 a 0 l’Uruguay in un’amichevole che consente agli azzurri di avanzare nel ranking Fifa. A Nizza l’Italia gioca un buon primo tempo, trova in apertura il gol del vantaggio e sfiora più volte il 2-0. Cala nella ripresa, ma controlla la partita senza correre rischi e nel finale chiude il match con le reti di Eder e De Rossi, che supera Dino Zoff per numero di presenze con la maglia della Nazionale (113) e con il 21° gol stacca anche Paolo Rossi nella classifica dei marcatori azzurri di tutti i tempi.

La formazione azzurra

Ventura prova il 4-2-4, modulo già utilizzato in occasione delle larghe vittorie con Liechtenstein e San Marino: in porta c’è Gianluigi Donnarumma; tre gli juventini in campo (Barzagli, Bonucci e Marchisio) reduci dalla finale di Champions League di Cardiff. Insieme a Marchisio, in regia c’è De Rossi, e sulle fasce il ct schiera quattro giocatori di spinta, con il duo Darmian-Candreva a destra e Spinazzola-Insigne a sinistra a supporto della coppia gol formata da Belotti e Immobile.

La partita

Con il lutto al braccio in memoria di Giuliano Sarti, la Nazionale parte forte e impiega solo sette minuti per portarsi in vantaggio: lancio lungo di Insigne per Belotti, il “gallo” stoppa di petto spalle alla porta e poi si limita a fare da spettatore alla clamorosa gaff di Gimenez, che nel tentativo di rilanciare il pallone lo indirizza con un potente esterno destro sotto l’incrocio dei pali. L’Italia sfiora il raddoppio prima con Belotti e poi con Insigne, con Muslera chiamato a fare gli straordinari. Si fa male Marchisio, sostituito da Montolivo, gli azzurri cercano di allargare il gioco sulle fasce e Candreva e Insigne rientrano in mezzo al campo per favorire le discese di Darmian e Spinazzola. L’Uruguay è impreciso nei passaggi, le assenze di Suarez e Cavani si fanno sentire e Donnarumma non deve sporcarsi i guanti. Al 30’ Belotti non sfrutta una ripartenza facendosi intercettare il passaggio decisivo, poi è Insigne a calciare a lato dopo un bello scambio con Spinazzola. Al 40’ Immobile cade in area dopo un contrasto, l’arbitro non fischia il rigore e non interviene nemmeno la Var (Video Assistant Referees), testata in modalità on-line anche per questa amichevole della Nazionale.

La ripresa

L’Italia rientra in campo nella ripresa con Eder al posto di Belotti e dopo dieci minuti Bernardeschi rileva Candreva. Al 60’, al primo vero tiro in porta, l’Uruguay trova il pareggio con un colpo di testa di Caceres, ma l’arbitro Turpin annulla il gol per una spinta dell’ex difensore della Juventus ai danni di Montolivo. I ritmi si abbassano, il giro palla è più lento e gli azzurri faticano a trovare spazi. Ventura inserisce El Shaarawy per Insigne e rivoluziona in pratica tutto il reparto offensivo. A cavallo della mezzora la Nazionale ha due buone occasioni per chiudere il match: prima Eder, ben servito da Spinazzola, manda di testa a lato da pochi passi, poi è ancora Muslera a deviare in tuffo un destro a giro di El Shaarawy. All’83’ il raddoppio è cosa fatta: Gabbiadini, appena entrato in campo, supera Muslera e calcia forte in mezzo all’area un pallone su cui si avventa Eder, che a porta vuota firma il suo quinto gol in maglia azzurra. Nel recupero c’è tempo anche per il 21° gol in Nazionale di Daniele De Rossi, che trasforma il rigore procurato da El Shaarawy e fissa il risultato sul 3-0. Domenica a Udine ultimo impegno stagionale con il Liechtenstein e i tre punti sono d’obbligo per continuare la corsa verso il Mondiale.

Ventura: “Siamo sulla buona strada”

“Questa vittoria significa che piano piano stiamo centrando alcuni degli obiettivi che ci eravamo prefissati”. Così il ct dell’Italia, Gian Piero Ventura, commenta il match. “Ho visto una buona mentalità, la squadra ha avuto l’approccio giusto e abbiamo concesso poco o niente agli avversari costruendo tanto: oltre ai gol ho contato circa sette palle gol. Sono contento, ma dovrebbero essere soprattutto contenti i ragazzi. Siamo sulla buona strada – conclude -, abbiamo la possibilità di diventare qualcosa di estremamente importante in futuro”.

Eder: “Possiamo far bene anche in Spagna”

“Segnare con la maglia azzurra è sempre importante ed emozionante. Questa partita contava per il ranking e per vedere la nostra crescita, abbiamo rischiato poco mettendo in campo quello che avevamo provato in questi giorni in raduno”. Eder guarda con fiducia ai prossimi impegni nelle qualificazioni al Mondiale: “Siamo convinti di poter fare bene anche in Spagna, è una partita che giocheremo alla pari, ma prima dobbiamo pensare al Liechtenstein perché nel calcio non va dato niente per scontato”.

El Shaarawy: “Il mio obiettivo è essere titolare in Nazionale e alla Roma”

Dopo l’Europeo, torna ad indossare la maglia azzurra anche Stephan El Shaarawy, che ha prima sfiorato il gol e poi si è procurato nel finale il rigore trasformato da De Rossi per il definitivo 3-0: “Venivo da un buon momento con la Roma, avevo tanta voglia di giocare e mi ero preparato bene. Sono contento per la vittoria e anche per la prestazione, il mio obiettivo è essere titolare nella Roma e in Nazionale: sono convinto delle mie qualità e di poter far bene”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS