Attacco a Londra, scontro su Twitter fra Trump e il sindaco Sadiq Khan Il primo cittadino di Londra, tramite un suo portavoce, ha fatto sapere di essere occupato in questioni più importanti che non rispondere a un tweet "male informato" del presidente Usa

338

Dopo aver espresso la sua solidarietà alle famiglie delle vittime dell’attentato a Londra, il presidente americano Trump – utilizzando lo stile polemico che da sempre lo contraddistingue – ha cercato di strumentalizzare gli attacchi di Londra per portare acqua al suo mulino. Con un tweet, infatti, l’ex tycoon ha prima criticato il sindaco Sadiq Khan, poi ha ribadito – rivolto ai giudici americani che hanno bloccato il suo bando contro l’immigrazione – l’importanza di far entrare in vigore il controverso “Muslim ban“.

Lo scontro su Twitter

“Basta essere politicamente corretti”, “Occupiamoci della sicurezza della nostra gente” ha scritto su Twitter. “Se non ci facciamo furbi, andrà solo peggio”. Ed ha attaccato il sindaco di Londra, il musulmano di origine pakistana, Sadiq Khan. “Almeno 7 morti e 48 feriti in un attacco terroristico e il sindaco di Londra dice che ‘non c’è motivo di allarmarsi'”. E poi, collegando in modo del tutto arbitrario le stragi terroristiche con quelle causate dal facile accesso alle armi in Usa, ha aggiunto: “Notate che non abbiamo il dibattito sull’uso delle armi al momento? E’ perché hanno usato coltelli e un camion”.

La risposta del sindaco Sadiq Khan

Il primo cittadino di Londra, però, non ha usato la piattaforma social dei cinguettii per rispondere alle accuse lanciate dal presidente Usa. Ma tramite un suo portavoce, Khan ha fatto sapere che “il sindaco di Londra è occupato a lavorare con la polizia, i servizi di emergenza e il governo per coordinare la risposta all’orrendo e vigliacco attacco terroristico e sta provvedendo a rassicurare i londinesi e i visitatori”. Il portavoce, inoltre, ha aggiunto che Khan “ha cose più importanti da fareche non rispondere a un tweet – per altro “male informato” – di Trump. 

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS