“Non sono un medico, ma vi assicuro che l’omeopatia funziona”

1042
omeopatia

Ho 73 anni e da circa 20 mi curo con l’omeopatia. Non sono un omeopata, ma, per la lunga esperienza nell’utilizzo, posso assicurare che l’omeopatia è un metodo di cura molto valido. Solo qualche esempio, anche se in questa sede non posso portare evidentemente prove.

Sinusite: ne soffrivo sin da bambino con raffreddori continui per 8 mesi all’anno, fazzoletto sempre in mano, antibiotici e sulfamidici a go go per anni; operato a 28 anni di sinusite mascellare destra, più antibiotici con qualche miglioramento purtroppo solo transitorio. Ricaduto, sono guarito con l’omeopatia (staphilococcinum 200 ch), senza antibiotici, mi è sembrato un sogno.

Cistite anche con sangue nell’urinare, dolorosissima. Individuato con analisi delle urine il bacillo responsabile (il proteus mirabilis), sono guarito da un giorno all’altro con granuli di Proteus Mirabilis 30 ch e Bacilus proteus 200 ch, senza antibiotici.

Insonnia: per anni con Tavor alla sera, passato alle gocce omeopatiche R14, dopo un periodo transitorio per la sostituzione, mai più preso Tavor, dormo da molti anni benissimo.

Il tutto senza alcun disturbo secondario che invece accusavo sistematicamente con i farmaci allopatici. Potrei continuare con molti altri gli esempi (mal di schiena con crisi acutissime, varici a una gamba, ecc), ma credo bastino quelli sopracitati.

Tutto questo non è effetto placebo, fantasia, ma posso assicurare è la realtà. Anche la medicina cosiddetta scientifica fallisce, ha grossi limiti e talvolta può anche far morire. Non sono contrario per principio alle medicine tradizionali, ma la mia esperienza mi dice che l’omeopatia, come anche altre terapie alternative quali la oligoterapia, l’organoterapia, sono efficaci, molto valide, naturalmente se scelte correttamente (il che non è sempre facile).

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS