Padre Alexandre Awi Mello è il segretario del Dicastero per i laici, famiglia e vita La nomina è arrivata in mattinata direttamente da Papa Francesco

592
mello

“Il Santo Padre ha nominato Segretario del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita il Rev.do Padre Alexandre Awi Mello, I. Sch., Direttore Nazionale del Movimento di Schönstatt in Brasile”. Con queste parole, la Sala Stampa della Santa Sede rende nota la nuova guida del neonato organo della Curia Romana che riunisce in sé l’ex Pontificio Consiglio per la Famiglia, quello per i Laici e la Pontificia Accademia per la Vita.

Chi è padre Mello

Padre Alexandre Awi Mello è nato il 17 gennaio 1971 a Rio de Janeiro. È stato ordinato sacerdote il 7 luglio 2001 come membro dell’Istituto secolare dei Padri di Schönstatt e ha ricoperto vari incarichi: vicario parrocchiale di Nossa Senhora das Dores a Santa Maria, nello Stato di Rio Grande do Sul; assessore della Gioventù apostolica di Schönstatt per il Sudest e Sud del Brasile; direttore nazionale del Movimento di Schönstatt in Brasile. Ha compiuto gli studi di filosofia e di teologia presso la Pontificia Università Cattolica di Santiago del Cile; ha poi conseguito la licenza in Teologia presso la Philosophisch-Theologische Hochschule Vallendar (Repubblica Federale di Germania, 2000) e sta ultimando il dottorato in Mariologia presso la University of Dayton – International Marian Research Institute nell’Ohio (Stati Uniti d’America). Ha svolto l’incarico di professore di Teologia pastorale e sistematica, in Londrina, presso l’Istituto Paolo VI (2002-2004) e la Pontificia Università Cattolica del Paranà (2005-2009); quindi, dal 2012, in São Paulo, al Centro universitario salesiano e nella Facoltà di São Bento. Nel 2007 ha collaborato con la Segreteria di redazione della Conferenza di Aparecida. Direttore della rivista Tabor, ha pubblicato diversi articoli in riviste specializzate di catechesi e pastorale.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS