Spalletti lascia la panchina della Roma, toto nomi per il successore: Di Francesco in pole Il divorzio dalla società capitolina arriva dopo la vittoria per 3 a 2 col Genoa

465
spalletti

“L’As Roma comunica la fine del rapporto di lavoro tra il Club e l’allenatore Luciano Spalletti. La Società è attualmente impegnata nella nomina del nuovo tecnico”. La Roma mette fine al contratto di Luciano Spalletti. L’ufficialità del divorzio tra il tecnico toscano e società capitolina è arrivata nella prima mattinata, tramite una nota pubblicata sul sito del club in cui si annuncia. La società di Pallotta, come si legge nel testo, è “impegnata nella nomina del nuovo tecnico”.

Il toto nomi

Di un possibile addio di Spalletti se ne era parlato già nelle settimane precedenti. Alcune voci di mercato davano per scontato che avrebbe seguito l’ex dirigente sportivo, Walter Sabatini, all’Inter, come possibile successore di Pioli. Per il successore del ct toscano sulla panchina della Roma, si pensa anche ad un profilo internazionale, come Unai Emery. Difficile un ritorno di Montella. In pole c’è Eusebio Di Francesco, l’attuale tecnico del Sassuolo.

L’addio di Spalletti

L’ufficialità della separazione fra tecnico e club arriva dopo la vittoria di domenica sul Genoa per 3-2, che garantisce ai giallorossi la seconda posizione in campionato e la qualificazione automatica alla fase a gironi della Champions League 2017-18. “Vogliamo porgere i nostri più sentiti ringraziamenti a Spalletti per il grande lavoro svolto e per l’importante contributo dato al club sin dal suo ritorno – le parole del presidente della Roma, James Pallotta -. Sotto la sua guida in questa stagione, la squadra ha conquistato il maggior numero di punti e segnato più reti nella storia del club giallorosso. Auguriamo a Luciano il meglio per il futuro. Il club intende continuare il suo percorso di crescita e il nuovo allenatore condividerà i valori e la filosofia della società, contribuendo allo sviluppo dell’As Roma”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS