Spagna, auto sulla folla a Marbella. Scatta l’allarme terrorismo, ma è scontro tra bande Le autorità hanno chiarito che non si è trattato di un attentato, ma, probabilmente, lo sfortunato epilogo di una rissa tra bande rivali

355
marbella

Un’automobile è finita sulla folla nella zona pedonale di Puerto Banus, a Marbella – Spagna -, ferendo almeno otto persone. Immediatamente è scattato l’incubo terrorismo, in quanto la dinamica dell’incidente ricordava i tragici precedenti di Nizza e Berlino.

Episodio non legato al terrorismo

Solo successivamente, le autorità hanno chiarito che non si è trattato di un attentato, ma, probabilmente, lo sfortunato epilogo di una rissa tra bande rivali. Secondo le prime informazioni infatti, l’auto che si è schiantata nella zona pedonale della cittadina andalusa, mentre si stava festeggiando lo “Champagne Party“, stava fuggendo da un posto di blocco della polizia. Il conducente ha accelerato per non essere fermato dagli agenti, ma non è riuscito a mantenere il controllo della vettura. Secondo la ricostruzione fatta dal quotidiano El Mundo – che cita fonti di polizia – tutto avrebbe avuto origine con una rissa tra due gruppi di turisti inglesi, cominciata in un club, dal quale sarebbero stati cacciati, e proseguita per le strade della cittadina spagnola. Poi, uno di loro avrebbe deciso di mettersi al volante della sua auto e vendicarsi. Con il veicolo si sono lanciati infatti contro i rivali a velocità elevata, ma a causa dell’alcol hanno perso il controllo della vettura nel tentativo di evitare un posto di blocco della polizia. Si sono scontrati così contro un’altra auto e sono poi piombati tra la folla. Le persone coinvolte hanno riportato fratture e contusioni di vario tipo, ma nessuna sarebbe in pericolo di vita.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS