Siberia, giornalista ed ex politico ucciso a colpi d’arma da fuoco nella sauna La Russia è al 148esimo posto nella classifica mondiale della libertà di stampa di Reporter senza Frontiere

230
giornalista

Freddato con un colpo di arma da fuoco mentre si trovava all’interno di una sauna. Così è morto Dmitry Popkov, noto giornalista, direttore del giornale locale “Ton-M” ed ex consigliere comunale.

L’omicidio

A rendere nota la notizia del brutale omicidio, è il portavoce del Comitato investigativo locale, Olga Deghid, dichiarando che il giornalista è stato ucciso “ieri sera nel cortile di casa con un’arma da fuoco”. La Deghid ha annunciato che è stata aperta un’inchiesta per omicidio. Gli investigatori stanno valutando diverse piste, “tra cui l’attività professionale” della vittima, ha sottolineato la portavoce. Russia, noto giornalista ucciso a colpi d’arma da fuoco nella sauna
„Popkov era noto per scrivere senza peli sulla lingua di potere, politica e affari. Il suo motto era tanto semplice quanto esplicativo: “Scriviamo ciò che gli altri fanno passare sotto silenzio”.“

I casi precedenti

Ad aprile, un altro giornalista, Nikolai Andrushenko, 73 anni e cofondatore della testata Novy Peterburg, è morto in ospedale a San Pietroburgo dopo aver subito un’aggressione. Il reporter, che scriveva spesso di corruzione e di criminalità denunciando anche la violenza della polizia russa, era stato colpito alla testa mentre andava a un incontro.

La libertà di stampa in Russia

La Russia è al 148esimo posto nella classifica mondiale della libertà di stampa di Reporter senza Frontiere. Sono numerosi i giornalisti aggrediti, feriti o uccisi in questi ultimi anni e le indagini raramente consegnano alla giustizia il mandante del crimine. Come è per il caso dell’omicidio di Anna Politkovskaya, uccisa nel 2006 nel suo condominio e per cui sono stati condannati cinque uomini, ma a distanza di 11 anni ancora non è stato identificato chi avesse commissionato l’assassinio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS