La Spezia, trovati morti in una cava i 2 ragazzi scomparsi domenica Sui corpi non sono state riscontrate ferite da arma da taglio o da fuoco

421

Due ragazzi albanesi poco più che maggiorenni sono stati trovati morti questa notte in una cava dismessa in località Acquasanta nel comune de La Spezia (in Liguria).

La denuncia della famiglia

Secondo i primi accertamenti del medico legale, la morte risalirebbe ad almeno tre giorni fa. Sui copri non sono state trovate ferite da arma da taglio o da fuoco, escludendo così l’ipotesi omicidio. Uno dei due giovani aveva 19 anni, si chiamava Fabiol Kycyku. Su di lui c’era una denuncia di scomparsa e l’allarme era stato diffuso anche attraverso la trasmissione televisiva ‘Chi l’ha visto?’: i familiari, che vivono a La Spezia, non avevano infatti più ricevuto sue notizie da domenica scorsa. Il secondo cadavere non è stato ancora identificato.

due sarebbero precipitati in modo accidentale dopo essere scesi dalla propria auto e aver scavalcato il guardrail della strada litoranea, in direzione Cinque Terre. Pochi passi nel buio e la tragedia: un volo di 40 metri che non hanno lasciato scampo ai 2 giovani.

Nello zaino arnesi da scasso

Addosso a uno dei due albanesi – si apprende dalla Questura riportata dell’Ansa – è stato ritrovato uno zaino con oggetti per lo scasso. Lo  All’interno dello zaino sono stati ritrovati una decina di cacciaviti, un coltello, una mazza, una chiave inglese e alcune paia di guanti.

L’ipotesi furto in villa

Una delle ipotesi è che la coppia di giovani albanesi sia precipitata nel dirupo mentre scappava dopo un colpo in villa finito male. Domenica notte, infatti, era avvenuto un tentato furto in una villetta situata sulla Litoranea, poco lontano dal luogo del ritrovamento dei cadaveri. Una donna, svegliata dall’allarme, aveva visto allontanarsi due persone. Ora, gli investigatori stanno svolgendo accertamenti per stabilire se assieme ai due ragazzi fossero presenti altre persone.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS