Francesco ad Acilia: “Dobbiamo rispettare anche i nemici”

496
papa

“Si deve pregare e rispettare le persone, tutte, anche i nemici“. E’ questa la risposta di Papa Francesco a una domanda di una bambina presente all’incontro con i bambini e i ragazzi del catechismo, con i giovani e quanti frequentano il Centro sportivo di Casal Bernocchi, nell’ambito della sua visita pastorale nella parrocchia San Pier Damiani di Acilia, parrocchia di cui è titolare il cardinale vicario di Roma, Agostino Vallini, prossimo a lasciare il suo incarico per raggiunti limiti di età, dopo due anni di proroga. Ad accogliere il Pontefice, oltre al card. Vallini, anche il vescovo ausiliare del settore sud, monsignor Paolo Lojudice e il parroco don Lucio Coppa.

L’incontro con i bambini

“Cosa può fare un bambino, un ragazzo per aiutare a salvare il mondo?”. Secondo Papa Francesco che ad Acilia ha risposto a questa domanda di una bambina, “si deve pregare e rispettare le persone, tutte, anche i nemici. “Vanno rispettate? Papà mamma, nonno, nonna, vanno rispettai? E quelle persone che non conosco e abitano nel quartiere e le persone che abitano sulla strada? I barboni?”, ha domandato a sua volta Bergoglio ai bambini. “Sì – ha poi scandito – tutte le persone vanno rispettate“. “E quello che non mi vuole bene – ha chiesto ancora il Papa nel campetto della parrocchia di San Pierdamiani – devo rispettarlo? Non sarebbe meglio dare uno schiaffo? Anche quello che non mi vuole bene devo rispettarlo”, ha affermato “E quello che mi ha fatto del male? Posso fare del male a lui? Telefonare alla mafia perchè faccia qualcosa, si può farlo fare fuori dalla mafia? No – ha risposto il Papa a nome dei piccoli parrocchiani – anche quelli vanno rispettati”.

“I bambini possono aiutare Gesù a salvare il mondo”

I bambini possono aiutare Gesù a salvare il mondo se fanno i compiti, giocano e sono gioiosi, ha detto il Pontefice ai piccoli che erano presenti all’incontro ma, a questo, bisogna aggiungere la preghiera e il rispetto per tutti, ha sottolineato il Papa. “Se io ho fatto i compiti e la mamma mi lascia andare a giocare con gli amici – ha spiegato ai bambini – è bello. Giocare aiuta Gesù a salvare il mondo. Sì perché la gioia aiuta Gesù a salvare il mondo. Siate gioiosi. Questo possiamo fare per aiutare a salvare il mondo”. “Certo – ha poi aggiunto il Papa – io quando avevo la tua età non ero bravo nel calcio e da noi quelli che non giocano bene si chiamano ‘gambadura’. Ero un ‘patadura’. Per questo facevo il portiere per non muovermi. E non è una parolaccia si può dire. Non è’ una parolaccia”. Parlando poi della sua vocazione, in risposta a un altra domanda di un ragazzino, il Papa ha detto che “ognuno di noi ha un posto. Gesù vuole che la maggioranza si sposino, siano laici. Alcuni invece sentono la chiamata per farsi suora o sacerdote. Noi eravamo 5 fratelli. Papà lavorava. A quei tempi c’era lavoro. Mamma e papà ci aiutavano. E’ molto bello nella vita di essere sposati avere una famiglia. Nonni e zii. Ognuno ha dei genitori facciamo un applauso a tutti loro”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS